La storia

Mi chiamo Piera Aiello,
sono morta e risorta

Testimone di giustizia a poco più di vent'anni per sfuggire a un destino di mafia e dolore. In un libro le sue due vite. Prima e dopo Borsellino

Chiamarsi Piera Aiello e poterlo dire davanti ad un pubblico. Essere una testimone di giustizia, fra i primi e forse più temerari e impertinenti, e poterlo raccontare a voce alta dopo averlo scritto. Smettere di scappare, di nascondersi e poter desiderare di tornare in Sicilia, perché no, persino nell’inospitale Partanna .
Piera Aiello nel 2013 è una donna siciliana con una storia romanzesca e un aspetto che non la rivela neanche un po’. È sorridente, con poche rughe, poco trucco, piena di parole che non hanno perso l’accento del suo paese belicino.
Ha 45 anni e ne aveva 22 di meno quando ha fatto un salto nel buio e ha voltato le spalle ad una famiglia di mafia.
Un giorno assiste all’omicidio del marito, Nicola Atria. Gli sparano nella pizzeria che avevano avviato insieme a Montevago. Lei ha insistito per sfuggire ad una guerra di mafia che ha già lasciato a terra il suocero boss. Ma non è bastato.
È la condanna ad una vita sotto la cappa del dolore e di regole subumane. Piera Aiello, una figlia di tre anni in braccio, si toglie di dosso il sangue e decide di raccontare quel che sa prima ai carabinieri e poi a Paolo Borsellino e ad un paio di magistrate donne come lei.
Maledetta Mafia è il libro che racconta questa odissea dei nostri giorni. È un lavoro a quattro mani. Piera parla e ricorda, Umberto Lucentini (umanissimo cronista) ascolta e trascrive.
Ne viene fuori un viaggio nella vita di una siciliana che per testa dura e voglia di vivere si è trasfigurata in eroina. Una vera e propria chiamata, un’ispirazione, un talento d’abnegazione e bisogno di onestà, viene da pensare leggendo capitolo dopo capitolo.
Le intenzioni di Piera vacillano solo con l’eccidio di via D’Amelio e il suicidio di Rita Atria, la giovane cognata che decide di seguirla nel suo peregrinare antimafioso. Lo “zio Paolo” muore ucciso con la scorta e Piera forse per la prima volta sente il morso della sconfitta e la responsabilità di una scelta dalla quale è difficile tornare indietro. Rita non ce la farà. E Piera dovrà affrontare anche questa tragica separazione.
Sembra storia di ieri. Uno strano prodigio – o forse le ferite troppo profonde di un’intera generazione di siciliani – lascia intatti i ricordi di quella stagione buia. Ma sono trascorsi venti anni, il tempo per vivere un’altra vita, anche due o tre nuove esistenze. Questa è la storia di Piera Aiello, trasformista per onorare la verità.
Una città dietro l’altra, un lavoretto dopo l’altro, lo Stato che un giorno ti aiuta l’altro ti dimentica, i soldi come briciole, pochi amici tranne i carabinieri angeli custodi, la bambina Vita Maria che deve andare a scuola e non ha un nome con cui farlo, l’anima sostenuta da un coraggio di granito.
Una vera odissea che ancora oggi non ha una fine. La vita è in un “altrove” del quale nulla si può dire. Ma la vita è anche un nuovo capitolo d’amore, vero antidoto alla violenza. Piera Aiello un giorno ha imboccato la strada che l’ha portata a un uomo con cui ha costruito la sua nuova famiglia. Sono arrivate altre due figlie, il diritto alle cose della quotidianità, e il bisogno di raccontare come si vince una battaglia di civiltà.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

ULTIME GALLERY - GENTE DI PALERMO
Annunci di Palermo

attico pressi politeama

Ruggero Settimo pressi Politeama panoramico appartamento pentavani piano attico settimo con terrazzino con servizio di portineria 24h ed ascensori. Totalmente ristrutturato ed arredato e corredato porta blindata disimpegno pranzo salone doppi [...] [leggi tutto]