i fatti dopo il ragionamento

La metafora perfetta per la Palermo dei fantasmi

di

La "Città dei ragazzi" abbandonata simbolo di una comunità con un piede nella fossa. Nel video di Alessandro Amato il fallimento di un progetto

Mettetevi comodi prima di guardare il video di Alessandro Amato. E non perché sia particolarmente lungo, ma perché rischiate di non credere ai vostri occhi, di barcollare. La “Città dei ragazzi” è un luogo fantasma abitato da fantasmi. Un simbolo dell’abbandono in una terra abbandonata. E’ soprattutto una ferita infetta nel corpo di una comunità, giacché una città che non pensa ai bambini è una città con un piede nella fossa.

La letteratura e il cinema ci hanno insegnato che uno dei modi per rappresentare, nella finzione, il concetto di desolata tristezza è quello di mostrare un parco giochi in abbandono, uno spazio ludico deserto. Palermo ha nella “Città dei ragazzi” la metafora che si merita. Una riserva appositamente inventata per i bambini, deliberatamente vietata ai bambini (basti vedere l’orario di apertura e chiusura).

Il pericoloso incombere dell’ossimoro di uno spazio aperto, chiuso.


[ Immagine: video di Alessandro Amato. Riprese e montaggio di Fabio Ginestra - Policy]

39 commenti

Lascia il tuo commento
  • 30 settembre 2014 23:24

    MI dite una cosa sola positiva realizzata da quando abbiamo questo Sindaco? E non voglio fare paragoni col passato, ma uno che si propaganda che il “Sindaco la sa fare” , non oso pensare dove eravamo se invece non lo sapeva fare.

  • 30 settembre 2014 23:34

    Schifo!!! Viene da piangere. Incompetenza totale…strafottismo puro.

  • 01 ottobre 2014 07:45

    Mi sarei meravigliato se questa BELLISSIMA (in potenza) città dei ragazzi, appartenesse alla città di Oslo, Stoccolma, Treviso….
    Ma è a Palermo e purtroppo zero meraviglia ma solo triste e rassegnata realtà-
    INCOMPETENTI

  • 01 ottobre 2014 08:04

    Lo stato della città dei ragazzi e’ da terzo….magari quarto mondo ! Sarebbe il caso di ripetere un simile servizio giornalistico per il Prato del foro italico o per la situazione del traffico in centro storico. Solo i media possono (forse !!!) fare qualcosa per sollevare i problemi cittadini.grazie.

  • 01 ottobre 2014 08:23

    vergogna!!!!!!! e vogliono candidarsi a capitale europea della cultura!!!!!!!!!!!

  • 01 ottobre 2014 09:54

    Il giardino della Palazzina Cinese curatissimo? É in stato di abbandono da sempre

  • 01 ottobre 2014 10:15

    SERGIO Io un paio di settimane fa l’ho trovato molto ben curato, confermo.

  • 01 ottobre 2014 10:55

    ho lavorato in quella struttura quando era una cooperativa (S.A.B.I.) tutto funzionava perfettamente ed il comune con una spesa di poco + di 300 mila euro l’anno si vantava di farla funzionare benissimo,facevamo fare” bella figura” a tutte le amministrazioni ,io avevo l’incarico di guidare il trenino e di stare in infermeria ( ho il titolo). i nostri collaboratori erano e sono specializzati,dottori in agraria,quindi tutta la manutenzione arborea veniva sempre fatta ,ci occupavamo responsabilmente di far funzionare questo gioiellino ……poi si insedia al comune un altra amministrazione e……. l’incarico viene dato a persone incompetenti amici degli amici che presentano documentazioni false, titoli falsi .noi vinciamo la causa ma………siamo piccoli piccoli………..

  • 01 ottobre 2014 11:13

    Oggi ho 28 anni, quando ero piccolo mi ci hanno portato e ricordo che era bellissimo, si disegnava, si giocava, era una cosa fantastica.
    Bravo Ale che hai fatto notare questa insensatezza degli orari soprattutto (che non funzioni la cascata è probabilmente una cosa superflua rispetto all’animazione e agli orari).

  • 01 ottobre 2014 12:02

    Anche io lavorai alla Città dei Ragazzi per ben due stagioni con la cooperativa S.A.B.I. ai tempi in cui questo parco era al primo posto della classifica pubblicata sul Giornale di Sicilia.
    Io mi occupavo di guidare il battello: proprio quel battello che adesso “galleggia” soltanto sul cemento grigio.
    Mi ricordo le lunghe code di bambini che aspettavano il loro turno per poter fare un giro sul magnifico battello o il trenino da sogno.
    Mi ricordo il bar aperto e la fontana sempre funzionante. Gli spettacoli sul palco dietro il castello, le grotte che conducono al giardino della Palazzina Cinese, lo stegosauro e il tirannosauro, la fontana con i pesci davanti la stazione, la frescura data dalla combinazione degli alberi e l’umidità dell’acqua del fiume.
    I bambini passavano un pomeriggio sognando con le cose semplici che la nostra città ci può offrire, mentre i genitori potevano godersi l’aria pura di un bel giardino.
    Eppure ai tempi fu proprio il Sindaco Orlando che riaprì questo giardino segreto….

  • 01 ottobre 2014 12:06

    La cosa strana infatti è che il giardino della palazzina cinese, sotto qualunque sindaco, e’ sempre stato curato.

  • 01 ottobre 2014 12:15

    E’ da un po’ che penso: ma perché questo sito nn invita periodicamente il sindaco a render conto di quello che fa e nn fa ma dovrebbe fare? Avete un grande potere voi giornalisti. Sfruttatelo. Tallonate il sindaco. Nn dategli respiro. Per esempio, monitorate l’iter riguardante il progetto del grande acquario al porto. E’ un opera che sarebbe importantissima per la città.

  • 01 ottobre 2014 12:53

    Se questo parchetto è in stato di abbandono con pericolo di caduta rami e altre inagibilità era inutile mettere operai Gesip a non fare nulla fingendo di avere allestito qualcosa e gli orari inaccessibili ai ragazzi potrebbero essere proprio da questo motivati.
    Li’ dalle 10.00 alle 13.30 dal lunedì al venerdì (se non ricordo male) ci possono andare solo le baby sitter con bimbi in carrozzina che si limitano a piccoli percorsi in aree più accessibili. Quando i bimbi non li mandano all’asilo nido.
    Ma poi lui che promette di dare il central park favorita alla cittadinanza chiudendo strade, non si propone neanche di sistemare la città dei ragazzi. Ah già qui non c’erano strade da potere chiudere, quindi non si è sbilanciato, la gente l’avrebbe preso sul serio.
    Quindi secondo me lui avrebbe piazzato degli inutili operai Gesip e ha fatto finta di allestire qualcosa ai fini ricettivi, con il suo ormai consueto far nulla.
    Ma è proprio peggiorato questo sindaco.

  • 01 ottobre 2014 14:25

    Fu Orlando a riaprirla dopo anni di assoluto abbandono a metà dalla fine del suo ultimo mandato, la struttura era gestita dalla S.A.B.I. ed era un posto magico per i bambini, mio figlio Alessio Corrao ha praticamente vissuto la sua infanzia lì dentro: con un abbonamento potevi fare laboratori creativi, il battello ed il trenino … ogni pomeriggio dietro il castello dalle 17 fino alla chiusura gli animatori facevano ballare i piccoli, su di un trono di legno sotto un albero una ragazza leggeva storie ad alta voce … se mio figlio sta diventando un bravo ometto è anche merito degli splendidi pomeriggi vissuti alla città dei ragazzi. Se non sappiamo regalare ali ai nostri piccoli saranno costretti a strisciare.

  • 01 ottobre 2014 14:53

    Aprirlo, però, sarà servito per dar da lavoro a qualche LSU..come quello che durante le riprese si intravedeva con la rammazza tra le mani. Grande sindaco, l’importante è che la tua immagine sia salva e i voti sempre assicurati. La città senza ragazzi nè bambini ringrazia.

  • 01 ottobre 2014 14:55

    ..questo progetto e’ nato oltre mezzo secolo fa,..o sbaglio? ed adesso gli rompete ad Orlando il sindaco lo sa fare? Ma lasciatelo in pace,..pure la citta’ dei Ragazzi,.. ma per favore,.. la prosima volta votate Mago Atanus,..

  • 01 ottobre 2014 16:49

    Anche io ho lavorato alla città dei ragazzi quando era gestita dalla S.A.BI ed è stato un periodo bellissimo. I genitori lasciavano i bambini e poi tornavano a riprenderli pur non avendo servizi di baby parking,perchè sereni della custodia del giardino da parte nostra. Era difficile a volte accontentare tutti perchè la fila era lungo tutto il marciapiede. Sono nate amicizie ancora adesso durature e noi ci divertivamo tanto pur lavorando bene e seriamente..ma a Palermo le cose belle non durano..infatti non c i abito piu..che tristezza.Marianna

  • 01 ottobre 2014 18:44

    Chi ha votato questo qui “che lo sa fare”?
    A Palermo aspettiamo le prossime elezioni per eleggere il prossimo “probabile” incapace, altrove lo avrebbero cacciato via a pedate un Sindaco così…

  • 01 ottobre 2014 22:08

    quando eravamo Gesip Srl ed spa e si lavorava otto ore al giorno,la città dei ragazzi era il fiore all’occhiello della città di Palermo!Adesso con la nostra sospensione e con il rientro in cassa integrazione a zero ore,ed impiegati in lavori di pubblica utilità(quattro ore al giorno),tutta palermo ne ha risentito!La città è piena di erbacce e solo tre giardinieri Gesip la puliscono!Il trenino è guasto da due anni ed il battello deve rifarsi il look.Noi animatori che siamo diplomati e laureati con tanto di corsi regionali per poter lavorare con i bambini,siamo dispiaciuti di tutto questo sfacelo…..e vedere la città dei ragazzi ridotta in queste condizioni ci fa malissimo!Abbiamo riaperto a fine luglio dopo essere stati sospesi dal comune ed al rientro abbiamo trovato la villa in pessime condizioni!Neanche un giardiniere comunale ad innaffiare le piante….tutto secco ed in stato di abbandono!abbiamo fatto dei miracoli per poter garantire la villa ad agosto ai bambini,con i laboratori di attività ludiche….adesso i bambini sono a scuola e noi senza soldi (perchè la cassa integrazione la pagano quando dicono loro all’inps) ancora resistiamo fino al 31 ottobre quando la villa chiuderà!Bisogna immediatamente portare via le sei tartarughe della vasca,ridotte malissimo….e spesso digiune(sono io che le sfamo),faccio un appello e lo avevo detto ad Alessandro Amato prima che iniziasse il servizio….Noi lavoratori vogliamo lavorare,ma l’amministrazione comunale ci crea ostruzionismo totale ….come azienda partecipata neanche dovremmo essere cassaintegrati!Ma a dire dell’assessore Agnese Ciulla,la città dei ragazzi sarà data in mano ai privati….infatti stanno stanziando dei capitali da investire………..chissà dove……buona vita a tutti….Dio benedica la nostra città facendo in modo che chi la amministri la ami!

  • 01 ottobre 2014 22:15

    dimenticavo un plauso ai miei colleghi giardinieri e pulizieri,che nonostante il disagio di essere senza i mezzi che avevamo quando eravamo Gesip,riescono a mantenere agibile la villa!Ogni giorno lavorano sodo per togliere tutte le foglie e gli aghi di pino,puliscono i bagni e tutti i vialetti,ed annaffiano la villa….puliscono spesso il viadotto del battello,ma dopo una settimana le foglie lo ricoprono!

  • 02 ottobre 2014 01:23

    peró non trovo nessuno che dice : si ho votato Orlando. Troppa vergogna forse…..buono per comunioni e festini lui……

  • 02 ottobre 2014 02:45

    Io onestamente non so più che dire. Una città abbandonata, senza regole e senza niente. Non so cosa mi tiene a rimanere ancora qui.

  • 02 ottobre 2014 12:55

    No. Non si riapre una villa a fine luglio per attività ludiche nel mese di agosto quando i bambini sono quasi tutti al mare per richiuderla ad ottobre e tenerla quasi inutilizzata a settembre.
    Poi ho visto nel video che le zone inagibili sono separate solo da un nastro.
    Nessuno può escludere che dei bambini possano accedervi e occorrerebbe una tale vigilanza che piuttosto converrebbe mettere in sesto il parchetto e se ci sono zone di pericolo non si possono fare accedere dei bambini, o dei ragazzini che possono andarvi anche da soli.
    I luoghi pubblici non vanno adattati alle esigenze del personale di un’azienda partecipata o a strane manovre dell’amministrazione.
    E’ inoltre tutto da verificare che non ci siano tra gli eserciti a disposizione possibilità di impiego e di utilizzo del personale a prescindere dai dipendenti Gesip. Anche la scelta effettuata al fine di garantire tutti i lavoratori ha prodotto un’eventuale assenza di servizi.

  • 02 ottobre 2014 14:16

    Ho chiesto al sindaco, attraverso il suo ufficio stampa, un’intervista sull’argomento. Attendo risposta.

  • 02 ottobre 2014 14:38

    I ragazzi il sabato e la domenica, invece di stare all’aria aperta, andranno in massa in un bel centro commerciale… perché quelli è importante che il fine settimana siano aperti…

  • 02 ottobre 2014 18:10

    Non per difendere Orlando, ma se è circondato da incompetenti, cosa può fare? Mandare tutti a casa?

  • 02 ottobre 2014 19:03

    Ah! Bravo Alessandro Amato. E per favore, chiedigli pure se ha intenzione di farsi sfuggire l’occasionissima irripetibile dell’acquario. Quest’opera porterebbe, almeno in un settore, la Città avanti di decine di anni (al passo almeno con le grandi capitali europee) e gioverebbe non poco, non poco…all’economia della città. Altro Ikea cazzi e mazzi…
    E digli senza peli sulla lingua, che se se la fa sfuggire, ci farà un bel tronzo di malafiura.

  • 02 ottobre 2014 19:15

    E comunque, è vero che Orlando è peggiorato, ma è anche vero che sicuramente l’epoca che viviamo non lo ha favorito. Non ci sono soldi. Se li sono mangiati tutti. Però lui è antico. E’ vecchio. E non dico di età…E’ troppo invischiato nella vecchia politica marcia. E se mentre prima aveva il potere conferitogli da De Mita per agire e fare qualcosa di concreto, oggi quel potere non ha più le mani in pasta come un tempo. Insomma, è ormai decaduto. Non ha la fantasia di autorinnovarsi. E quindi sta pagando per questa sua incapacità. Chissà dove si riciclerà dopo il mandato di sindaco di Palermo…

  • 03 ottobre 2014 01:04

    Non ho mai capito che significa assessore e a cosa servirebbe ??

  • 03 ottobre 2014 10:10

    Quando Orlando si è insediato ed ha fatto la festa a Piazza Magione per la sua rielezione ed il grande ritorno a Palermo, disse, o meglio URLO’: “datemi il tempo che tra sei mesi vedrete i primi cambiamenti; tra un anno la città srà migghiulidda e tra due anni diventerà bellissima!!!”. O era inconsapevole di ciò che lo avrebbe aspettato (e per un politico navigato come lui non credo proprio) o ni pigghiò a tutti pu culu!!! Io sono stato uno dei tanti che lo ha votato con la speranza che l’Orlando che avevo conosciuto e visto in “azione” durante gli anni storici delle sue amministrazioni che ci fecero vivere il “GRANDE sogno di Palermo” avrebbe riportato speranza e rinnovamento dopo il periodo oscurantista e DEVASTANTE di CAMMARATA… oggi però la delusione è TROPPO GRANDE e non perchè non si capisca che in questo momento storico TUTTE le Amministrazioni hanno i soldi in cassa ma bloccati da questo Cacchio di “Patto di stabilità”, ma soprattutto sul fatto che si portano avanti i due progetti faraonici (Tram e passante ferroviario) e tutto il resto della città stà DEFINITIVAMENTE crollando e implodendo su se stessa!!! La cultura è massacrata! I TEATRI chiudono; il decadimento culturale va di pari passo alla mancanza di spazi ludici; i Cantieri Culturali alla Zisa con un POTENZIALE di spazi che dovrebbe RIBOLLIRE di attività, persone, centro di incontri, essere proprio il CUORE pulsante della cultura cittadina, se ci andate di pomeriggio e passeggiate al suo interno sembra la città dei MORTI VIVENTI… un silenzio che ti mette nell’animo una TRISTEZZA unica ed è lo specchio, mi pare, di questa AMMINISTRAZIONE: tutte le “facciate” si vanno ristrutturando ma al suo interno troviamo il VUOTO SOCIALE!!! Contenitori VUOTI! La “Città dei ragazzi”, anch’essa, racchiude tutto questo: un’ ASSENZA dell’Istituzione Comune al “SOCIALE CITTADINO”, uno spazio che ha fatto sognare migliaia di bambini di Palermo educandoli appunto al sogno, alla speranza che le cose belle esistono! A palermo ci sono associazioni che fanno un immenso lavoro sociale e senza le quali la città sarebbe ancor più nell’abbisso. I centri sociali con le loro attività a sostegno dell’educazione e dell’infanzia non hanno supporto alcuno; il centro antiviolenza sulle donne rischia di chiudere; le case famiglia non hanno più fondi; gli artigiani (vecchi e giovani) non hanno spazi per le loro attività; al Teatro del Mediterraneo (dentro uno dei padiglioni meno DEVASTATI e VANDALIZZATI all’interno della ex fiera del mediterraneo) non li si aiuta neppure con una sorveglianza notturna ed il teatro è soggetto continuamente a furti e devastazioni!!!!! ……… E’ UNA CITTA’ ALLO SBANDO SONO DELUSO DA ORLANDO!!!!

  • 03 ottobre 2014 14:48

    Un.mio carissimo amico olandese che ama tanto la sicilia con molta ironia, ogni volta che io mi lamento delle cose che nn vanno in sìcilia, lui ridendo benevolmente anche un po beffardamente mi fa notare che non si può pretendere molto di più da un popolo che si riferisce al lavoro chiamandolo “fatica”.

  • 03 ottobre 2014 16:09

    Confermo. 10 gg. fa mi sono recato con il mio nipotino di tre anni perchè la ricordavo una bella struttura nel quale ci portavo mio figlio. Una ventina di persona sparse tra giardinieri e presunti laboratori, spazi inarrivabili, e aggiungerei che sono stato costretto a fuggire perché delle noiosissime zanzare si erano attaccate alle gambine del bambino.
    Lo specchio della città!

  • 03 ottobre 2014 18:46

    Alessandro Amato, ancora in attesa di una risposta, vero?

  • 04 ottobre 2014 11:47

    MANU 70 Il sindaco ritiene che sia tutto normale.

  • 06 ottobre 2014 18:59

    Senza parole- senza dignità – senza riscontro ……………. e poi parlano di RICANDIDARSI ??? ITIVINNI TUTTI .

  • 22 ottobre 2014 11:56

    la bon anima di mio padre ci ha lavorato su questa vasca… da bambino ai tempi veniva trainato con corde e girato a mano e i ragazzini che lo giravano c’era lui… e mi raccontava sempre a me da bambino che per pagarsi gli studi faceva questo lavoro… che peccato che l’amministrazione palermitana oltre i vari problemi sull’urbanizzazione (strade fogne etc etc) non spendono soldi per dei luoghi che restano nelle memorie dei palermitani!

  • 22 ottobre 2014 12:05

    che vergogna!

  • 05 dicembre 2014 14:20

    Ciao scusa volevo chiederti un grande favore,hai realizzato un ottimo video e vorrei usarlo per presentare un progetto all’università di palermo,potresti mandarmelo via email? attendo tua risposta

  • 11 aprile 2016 21:13

    i miei figli sono stati fortunati perche’ hanno goduto sia del trenino sia del battello sia dell’intera struttura. dal 2005 per almeno 5 6 anni. peccato

Lascia un commento