i fatti dopo il ragionamento

Sindaco, ma lei da che parte sta?

di

La città piena di turisti e di rifiuti, l'intollerabile ricatto degli operai della Rap e la sottomissione di un'amministrazione inspiegabilmente paurosa. Il re è nudo ed è arrivato il momento di dirlo in maniera chiara. Perché il vecchio trucco del fumo negli occhi non funziona più Orlando Il Sindaco Lo So Fare | Blog diPalermo.it

Mi deprimo. Mi deprimo mentre passeggio per le strade della mia città e l’immondizia mi sovrasta. Mi deprimo mentre, fiero, mostro ai miei amici calabresi il mio quartiere, Ballarò, e l’immondizia ci sovrasta. Mi deprimo perché non cambia mai niente. Perché Palermo, dal centro alle periferie, è puntualmente un immondezzaio vomitevole. Perché gli operai della Rap ci tengono sotto scacco. Perché al pugno duro si preferisce, ancora, insopportabilmente, inspiegabilmente, la sottomissione paurosa. Perché le scuse sono finite, Cammarata non è più il sindaco da quasi tre anni e la difesa dell’indifendibile se prima era stucchevole adesso è inaccettabile.

La città piena di turisti e di rifiuti è un’offesa a quelli come me e come voi. È un’offesa che nessuna fottutissima mostra di Botero può lenire, anzi. Il re è nudo e ormai riusciamo a vederlo anche malgrado il fumo negli occhi della Palermo proiettata verso il futuro – la cultura, il tram, le candidature impossibili e altre minchiate così.

E pensare che ci accontenteremmo, più modestamente, di una città in cui passeggiare sia un’attività appena decente. Solo questo. E di un sindaco che finalmente ci dica da che parte sta. Dalla nostra o da chi vuole lo sfacelo totale. Perché qualche dubbio, a questo punto, è più che lecito.


[ Immagine: dalla pagina: facebook.com/ilsindacolosafare - Policy]

16 commenti

Lascia il tuo commento
  • 02 aprile 2015 08:51

    Città abbandonata a se stessa, munnizza ovunque, buche transennate ad minchia da mesi e mai risistemate, tubi di plastica neri mollati all angolo di strade dopo i lavori di una ditta “smemorata”, puzzo di piscio di cavalli ai quattro canti, posteggiatori rampanti se ne infischiano di multe che mai pagheranno, liberi di taglieggiare accanto alle pattuglie dei VV.UU, il tale che regala cani in centro perennemente messo lì (da l’idea del nulla totale) caos disumano….potrei continuare, ma la cosa è realmente deprimente.
    Amministrazione assente…

  • 02 aprile 2015 08:53

    parole sante

  • 02 aprile 2015 10:07

    la città da oltre 20 anni e’ sotto scacco di una masnada di delinquenti (gesip, amia, trinacria, etc etc) che qualcuno, Orlando capofila, nell’assunto indimostrato che la mancanza di lavoro a Palermo costituisse una emergenza sociale ( mentre nella altri parti del mondo la disoccupazione e’ un divertimento) dovendo levare manovalanza alla mafia. Sarebbe ora che chi ha creato questo disastro ammettesse il proprio fallimento…!!

  • 02 aprile 2015 10:40

    la città da oltre 20 anni e’ sotto scacco di una masnada di delinquenti (gesip, amia, trinacria, etc etc) che qualcuno, Orlando capofila, nell’assunto indimostrato che la mancanza di lavoro a Palermo costituisse una emergenza sociale (mentre nelle altre parti del mondo la disoccupazione e’ un divertimento), volendo levare manovalanza alla mafia ( e si è visto..) , ha intruppato nelle aziende comunali senza alcuna selezione e professionalizzazione. Col risultato che tutte le SPA comunali sono solo degli stipendifici inutili e criminogeni, che incentivano il parassitismo, il ricatto e la violenza. Sarebbe ora che chi ha creato questo disastro ammettesse il proprio fallimento…e sparisse dalla circolazione.

  • 02 aprile 2015 11:15

    Orlando non è Dio – anche se magari si crede di esserlo :() – e non riesce a risolvere le grandi questioni come la gestione dei rifiuti (che ha un colpevole, tale Totò Cuffaro…) e il traffico (questo sì a totale carico dell’amministrazione). Come la Sicilia tutta, sono questioni che da anni non vengono affrontate o , peggio, gestite male; ma almeno con questa amministrazione si riesce a interloquire ..ma noi cittadini siamo capaci di essere presenti e pressanti???

  • 02 aprile 2015 12:50

    Fottutissima, Minchiate…

    Forse neanche Cammarate era in grado di tirar fuori dall’animo certi movimenti dell’anima che sfociavano in terminologia mai così azzeccata.

    Complimenti all’articolista.

    La Favorita come Central Park, Palermo capitale della cultura, il gay pride…

    Ci siamo rotte …

  • 02 aprile 2015 15:58

    voglio dire che oltre l’immondizia le strade tutte dissestate che in ogni buca ci entra mezza macchina e il rischio di distruggere le macchine ma forse a un accordo con le concessionarie ?

  • 02 aprile 2015 18:38

    Caro Francesco, comprendo, condivido e giustifico il tuo sfogo perchè amo questa città come e più di te. Ma credo sia onesto dire che nessun sindaco (sia esso Cammarata o Orlando, di destra o di sinistra) può risolvere da solo la questione. La tristezza e la bruttezza di Palermo è figlia soprattutto dei palermitani. Tutti. Se ognuno di noi facesse ogni giorno un piccolo gesto d’amore verso la città sarebbe tutto più facile e più bello.

  • 02 aprile 2015 21:01

    Comunque la rimessa dei mezzi rap di viale regione , non sembra messa bene. Sembra un ammasso di edifici orribili dove credo pochi desiderebbero lavorare . Ora capisco che parliamo di ” munnizza ” ma un minimo di decoro e ambianti salubri mi sembra il minimo. Poi se il dipendente non fa il suo dovere …fuori dalle balle!!

  • 02 aprile 2015 21:12

    Infatti sig, Monastra credo che fare una raccolta fondi di quartiere per il rifacimento del manto stradale e per la pulizia delle strade sia la via migliore e risolutiva, qualora l’amministrazione comunale si tirasse fuori dai ball, lasciandoci lavorare, con amore, sentimento e raziocinio.

  • 02 aprile 2015 22:59

    Il sindaco lo sa fare ? L’unica cosa che sa fare e’ farsi fotografare per le celebrazioni, inaugurazioni, anniversari, commemorazioni e beatificazioni per il resto tutto come prima, anzi peggio di prima; un sindaco che ha permesso che una strada storica di Palermo come via Brancaccio, possa essere chiusa in due tronconi inibendo il transito veicolare e favorendo un’ulteriore degrado sociale di tutta la zona, decretando la chiusura di quelle poche attività’ commerciali che erano riuscite a resistere malgrado tutto, dovrebbe trovare il coraggio di dimettersi.( Dirà che era gia’ deciso x la chiusura del passaggio a livello, vero, ma lui avrebbe potuto rimediare a questo ennesimo palese inciucio tra amministrazione pubblica e gli interessi privati di Rfi, revocando l’ordinanza per questioni anche di sicurezza degli abitanti, come confermato dalla protezione civile dopo un sopralluogo della zona). Vergogna sig. Sindaco, perché’ il sindaco Non lo sa fare!

  • 03 aprile 2015 00:35

    Il commento del signor Monastra mi lascia …. interloquézzizzato… interdettizzato, (detto balbettando), infatti, mi “ho” confuso… talmente l’ha sparata grossa…
    Si tratta di munnizza, in questo caso, il tema del post è chiaro.
    E perché questa bruttezza della munnizza – quella descritta nel post, non quella delle discariche abusiva né quella sparpagliata per la città -, quella che ormai è integrata coi monumenti, per intenderci, sarebbe figlia dei palermitani? Hanno tanti difetti i palermitani, ma questa munnizza appartiene ai disservizi e all’incapacità di un sindaco e una giunta di buontemponi che si spacciano per politici. E di essa si tratta nel post, signor Monastero. In questo caso quale sforzo suggerirebbe il signor Monastra ? Tenersela dentro casa finché non riempie tutte le stanze fino ai soffitti ?

  • 03 aprile 2015 00:46

    Troppo occupato, Orlando Cascio, a distribuire medaglie e cittadinanze, a mettersi in posa, a cambiare nomi di “partiti” (tutti se li è firriàti) per rinnovare l’illusione per gli allocchi ( che tanto basta il nome nuovo! grande strategia… pensa lui ), troppo occupato a riempire la città di bancarelle che vendono merce contraffatta (di fatto legittima l’illegalità), a riempirla di posteggiatori abusivi indigeni e importati, a sfregiare l’identità di luoghi simbolici e storici con concessioni di licenze per negozi strani e brutti, troppo impegnato a promuovere monumenti al cavolo ignoto.
    In realtà in passato c’erano soldi da spendere per fare scrusciu estemporaneo, lustrini, e si copriva la sua incapacità, che ora appare tutta nella città allo sbando.

  • 03 aprile 2015 00:48

    abusivE

  • 03 aprile 2015 08:45

    Premesso che Orlando e Cammarata per me sono braccia rubate all’agricoltura, faccio una domanda: se la signora tanto distinta getta dal finestrino della sua auto un fazzoletto di carta è colpa del sindaco?
    Se in una fila ci sono sempre i più furbi che ti sorpassano è colpa del sindaco?
    Se non ci sono giochi funzionanti nei parchi è colpa del sindaco?

    Purtroppo NO. La colpa più grande è nostra, dei nostri comportamenti quotidiani e di un sistema che se ne fotte e che piuttosto che far rispettare le regole si adegua e le infrange a suo gusto… Povera Palermo

  • 03 aprile 2015 22:31

    Però se non ricordo male lei stesso rimproverava in un precedente articolo i palermitani di scarsa memoria e scarsa riconoscenza nei confronti di Orlando. Certo da lontano tutto assume altre dimensioni. detto ciò, concordo con le domande rivolte al sindaco. Che tanto non rispondera’

Lascia un commento