i fatti dopo il ragionamento

Era Messi o Crocetta?

di

Le mie allucinazioni guardando Barcellona-Bayern Monaco in tv e il pallone come metafora della vita. E della nostra legittima aspirazione di sudditi ubbidienti e ossequiosi di fronte al genio, al dono divino, al talento che ci manca. E che non si compra Crocetta Messi | Blog diPalermo.it

Amo il pallone. Lo amo fin da quando ero piccolo. Amo il giuoco del calcio, con la parola giuoco scritta così, all’antica. Nei momenti di parossismo sarei capace di guardare di seguito una partita del campionato tedesco, quello che mi piace di più, una del campionato francese e poi inglese e così via. Amo il calcio giocato bene, il gesto, la prodezza, l’organizzazione di squadra, il sudore e la passione.

L’altra sera, guardando Barcellona-Bayern Monaco, e chi capisce di calcio sa di cosa sto parlando, a un certo punto sono entrato in trance, sarà durata qualche secondo, una sorta di Sindrome di Stendhal che mi ha portato addirittura alla commozione, come quando ti commuovi davanti alle cose belle, all’opera d’arte, al talento, al genio, a un gesto puro e disinteressato, al dono, e non so per quale diabolica associazione di idee – tenetevi forte – ho immaginato, sprofondato sul mio divano e con gli occhi quasi lucidi, quel diavolo di Leo Messi sindaco, presidente della Regione, imperatore supremo di questa terra, la nostra, guidata invece da uomini incapaci, senza talento e senza aspirazioni, grassi e sudati, e ho pensato a me stesso come capofila di un popolo di sudditi fedeli, ubbidienti e ossequiosi di fronte al genio, alla leggerezza, al tocco, all’arte messa al nostro servizio, al talento che non vedo, non scorgo, e che dev’essere però nascosto da qualche parte, ne sono sicuro, oltre che tra i piedi di Leo Messi.


[ Immagine: fotomontaggio originale di diPalermo - Policy]

5 commenti

Lascia il tuo commento
  • 08 maggio 2015 08:24

    Invece io una partita di calcio dove non mi trascina il tifo posso vederla al massimo per 5 minuti, dopodiche’ mi annoio e cambio canale. Anche se giocano Messi Pele’ e Maradona “messi” insieme. Che poi il campione argentino possa fare meglio di Crocetta e Orlando non solo dentro ad un campo di calcio e’ una cosa abbastanza probabile. Anzi certa.

  • 08 maggio 2015 08:26

    Ragione hai: interessante questo Messi. Mi ricorda Paulo Dybala.

  • 08 maggio 2015 08:46

    Poteva essere Messi, e invece non è neanche Pocetta.

  • 08 maggio 2015 08:51

    Visto giocare dal vivo e da molto vicino, assurdo….

  • 09 maggio 2015 00:58

    E un giorno Leo Messi s’inchinò davanti al nostro imperatore Julio Cesar. E tu lo sai.

Lascia un commento