i fatti dopo il ragionamento

Cristiana, che ci voleva bene

di

Cristiana Matano | Blog diPalermo.it

Non ho idea di cosa le piacesse mangiare. Non so quando ha dato il primo bacio o quando si è innamorata di Filippo. Non sono mai uscita con lei, né per un caffè né per andare al cinema. Non avevamo un legame visivo ma ce l’avevamo di parole scritte. Messaggi che si concludevano con “ti voglio bene”.

Perché Cristiana Matano me lo scriveva sempre e immagino lo scrivesse a tutti coloro con cui divideva pezzi di vita. Perché ci sono persone che regalano vagonate d’amore senza avere nulla in cambio. Le incontri e le riconosci dal sorriso, dallo sguardo. Sono lì, vere, senza orpelli. Non so perché succede e perché con alcune basta guardarsi ed eccolo l’affetto: chiaro, decisivo, duraturo.

Bisogna crederci sempre, mi dico, nelle persone. Perché capitano a volte incroci inspiegabili e stai lì senza imboccare nessuna via fino a quando qualcuno ti dice “si va di là”. Mi piace pensare che il significato della vita e della morte di Cristiana sia un’indicazione semplice e precisa della strada da intraprendere: dare un senso alle parole e dirselo sempre, “ti voglio bene”.


[ Immagine: dal profilo facebook di Cristiana - Policy]

2 commenti

Lascia il tuo commento
  • 10 luglio 2015 12:50

    attraverso lo schermo ho apprezzato la sua serietà e competenza professionale- pur conoscondela personalmente mi sono commosso per sua prematura scomparsa-

  • 11 luglio 2015 11:02

    non la conoscevo personalmente,ma ero terribilmente innamorato del suo stile ,none’ giusto andare via cosi presto………………

Lascia un commento