i fatti dopo il ragionamento

Avete visto il Catania?

di

Il sorteggio del calendario che annuncia il ritorno del campionato, l'imperituro dibattito sugli "strisciati" e un dubbio amletico che turba i nostri sonni. Dove diavolo sono finiti i cugini? Binocolo Catania2 | Blog diPalermo.it

Sì, lo sappiamo: non è l’inizio del campionato, siamo ancora lontani. È arrivato solo un refolo d’aria fresca, un po’ di metadone per noi drogati di calcio. Sono finalmente usciti i calendari. Mancano ancora molti giorni, molte amichevoli e tanto calciomercato ma almeno possiamo cominciare a immaginarci al caldo del Barbera il 23 agosto, in pantaloncini, infradito e con un ghiacciolo in mano (chi preferisce il maxicono non andrebbe neanche ammesso sugli spalti, ma questa è un’altra storia).

Arriva il Genoa, e come inizio non ci pare dei più semplici. A seguire Udinese fuori e Carpi in casa e subito dopo tutti a San Siro: andiamo a vedere com’è il nuovo Milan milionario. In mezzo, fra Udinese e Carpi, la sosta per la nazionale, una delle più grandi disgrazie che il vero tifoso deve affrontare: un ritorno in astinenza da campionato che può lasciare segni permanenti.

A noi l’inizio fa sempre paura, per cui evitiamo qualsiasi commento tecnico sugli avversari, considerato fra l’altro che non ne saremmo comunque capaci. A metà campionato rischiamo già un paio di infarti e con l’età che avanza speriamo solo che allo stadio funzionino i defibrillatori. Già ai primi di ottobre arriva la Roma al Barbera mentre il 25 c’è l’Inter, prima invasione degli “strisciati” con polemiche e organizzazione di dibattiti sulle caratteristiche del vero tifoso. Sono tradizioni che si rinnovano e fanno piacere.

Molte dirette concorrenti per la salvezza all’andata le affrontiamo in casa. Sarà meglio, sarà peggio? Il fattore casa conta qualcosa oppure è un argomento tipo “scie chimiche”? Vi lasciamo al dibattito, noi adesso dobbiamo concentrarci sulle vacanze per farci trovare belli pronti e carichi per la stagione.

Uno di noi è già in Giappone a cercare gli ultimi supporter di Totò Schillaci, l’altro va a vedere se Legrottaglie riuscirà ad allenare l’Akragas sostituendo i ritiri spirituali alle serate in discoteca. Intanto chiudiamo con un dubbio: ma voi il Catania alla prima giornata lo avete capito dove gioca? Nel calendario non lo abbiamo trovato.


[ Immagine: fotomontaggio originale di diPalermo - Policy]

4 commenti

Lascia il tuo commento
  • 29 luglio 2015 14:26

    Spiritoso l’articolo pubblicato, tranquilli per un tifoso Sampdoriano come me ,la prima tiferà Palermo e in costume sarò aL Barbera a gridare “Forza Palermo”, dopo dal seconda del campionato ,divento serio e tifo solo Samp. Per quando riguarda il Catania Calcio non me ne frega nulla tanto è una squadra catanese.

  • 30 luglio 2015 00:04

    Il Catania? Si sta preparando per il derby con il Parmonval.
    Comunque mi sa che a breve quattro risate ce le faremo proprio con la Sampdoria e il suo folkloristico presidente.

  • 05 agosto 2015 00:03

    Anche io mi chiedo quale sarà’ il destino de mio amato Catania.

  • 05 agosto 2015 12:16

    Nessun tifoso (vero) del Catania si firmerebbe “rossoblu” (Bologna o Cagliari). L’articolo è carino, ma davvero non capisco né i due periodi finali, né l’immagine di accompagnamento (a parte la qualità del montaggio). E’ davvero così difficile evitare di infierire su chi adesso soffre ? Evviva lo sport

Lascia un commento