i fatti dopo il ragionamento

L’irrimediabile provincialismo

di

Polizia Municipale | Blog diPalermo.it

Stamattina, ore 7, Piazza Castelnuovo. Mi passa davanti una macchina dei vigili urbani con la scritta “Control street” sulla fiancata. Ora, dato che non mi risulta a Palermo alcuna strada che si chiami “Via del controllo”, perché usare la lingua inglese se si è incapaci? Perché non scrivere, semplicemente, “controllo stradale”?

Certo, fa più fino scriverlo in inglese. Poi magari passa un turista, legge la fiancata e cerca su google maps la “via del controllo”. Forse è quella dove c’è il supermercato Simply, o la trattoria Simpaty. Si attende la modulistica per richiedere le lochescion alle attività produttive. Niente, siamo troppo avanti. Del resto, abbiamo pure rimpiazzato il vecchio e provinciale Giotto con il meno provinciale John Lennon. Lo sappiamo proprio fare.

10 commenti

Lascia il tuo commento
  • 15 agosto 2015 10:08

    La cosa più assurda è che se un turista prova a chiedere n’informazione ad un vigile, la stragrande maggioranza non risponde perchè non conosce l’inglese.

  • 15 agosto 2015 11:03

    Per un paese disseminato di dispositivi antincendio con la scritta “to crash in the event of fire” il “control street” è un piccolo peccato di provincialismo locale, uno dei tanti!
    Noi che pensiamo alla grande vorremmo una Orefto Valley Highway Patrol, un Palermo Police Department e gli inseguimenti come nei telefil americani…

  • 15 agosto 2015 11:03

    Chissà se multano anche i loro colleghi quando sono fermi in doppia fila o sulle strisce pedonali o in un incrocio. Mi sa di no, anche perché leggendo nell’altra macchina “control street” penseranno che si tratti di qualche auto tipo FBI o CIA o Marines!

  • 15 agosto 2015 13:31

    Questo provincialismo ci seppellirà. Certo l’italiano è la nostra madre lingua come il siciliano, ma non possiamo non conoscere almeno l’inglese, ci tagliamo fuori dal resto del mondo, in un mondo super connesso ci escludiamo automaticamente. Di certo la scuola non aiuta per niente.

  • 15 agosto 2015 20:29

    Ma oltre questo provincialismo anche sgrammaticato che è a dir poco patetico come lo è tutto il vertice del Comune che continua a partorire slogan e dichiarazioni che tutto va bene e che ad esempio la vertenza immondizia RAP è risolta, ma in realtà la città è sporca come mai. Ma che dico? Come mi permetto di offendere e divergere dal pensiero e dall’operato ( che ancora aspettiamo) di un uomo che ha combattuto e combatte il malaffare, le cosche etc etc! Allora costui (io) è mafioso !!

  • 15 agosto 2015 20:31

    Osservazione pertinentissima…già mal sopporto l’uso e l’abuso di termini anglosassoni da parte di attività private, ma allora da parte delle istituzioni ciò è insopportabile (poi con l’errore figuriamoci), e la cosa parte dall’alto, come il governo nazionale con “Jobs act” e altre orribili assurdità che sono un insulto alla nostra lingua, cultura e storia, un insulto ai grandi letterati italiani e alla nostra identità.
    Penso ad esempio al settore dell’organizzazione delle serate nei locali pubblici che rasentano il ridicolo: info, booking, privé, tavoli sold out, voucher, food and drink, party, dj set (ammetto che per DJ non c’è l’equivalente in italiano), sunset, summer, beach ……….

  • 16 agosto 2015 07:40

    Cartello verde all’ingresso della Favorita, poco dopo la porta con i due leoni. Per invitare gli stranieri alla guida a ridurre la velocità, da anni fa bella mostra di sé l’ossimoro “Slow speed”.
    .
    Cartello all’aeroporto di Punta Raisi: “Informations desk” (il plurale di information non esiste).
    .
    Ci sarebbe da dire: “Speak as you eat” 😉

  • 17 agosto 2015 14:28

    In quel caso trovato su internet è usato come aggettivo, nel cartello incriminato come verbo.

    La forma corretta sarebbe “reduce speed”.

  • 17 agosto 2015 22:10

    Quindi superata la porta con i due leoni, si deve ridurre la velocità? (rispetto a prima?)
    Il tratto della favorita è a velocità contenuta, anche se apparentemente si potrebbe essere portati ad aumentarla.

Lascia un commento