i fatti dopo il ragionamento

Insciallah, e forza Palermo

di

El Kaoutari | Blog diPalermo.it

“Allah Akbar”, ci scrive il nostro amico Giorgio da Londra al fischio finale. E non poteva esserci commento più appropriato per la vittoria all’ultimo respiro conquistata dai rosanero contro il Genoa. Del resto lui che vive nel quartiere più multirazziale della capitale britannica (Notting Hill) e che ha convissuto con i pakistani di Fultonstraat all’Aia, di islamici con cui si vive meglio che con i propri concittadini se ne intende.

Rispettosi del prossimo, grandi lavoratori, disciplinati e pronti a sfruttare le occasioni. Esattamente come El Kaoutari, cui il nostro errore sul cognome nel commento prepartita ha portato bene. Che ci facesse al 91′ in area avversaria, nella partita del suo debutto in serie A, se lo chiederà a lungo anche lui. E quando oramai non ci credeva più nessuno tra i ventimila della Favorita, dopo che la maledizione delle traverse dello scorso campionato sembrava continuare senza che neppure la Santuzza avesse potuto farci nulla, al termine di una carambola in area ha gonfiato la rete, come si diceva un tempo, mandando in visibilio i tifosi rosa.

A noi, che non siamo obiettivi, la vittoria alla fine è parsa meritata. Dopo i primi trenta minuti da incubo, con Sorrentino a sgolarsi per chiedere ai suoi di fermare gli indiavolati genoani che sbucavano da tutte le parti e a parare tutto il parabile, e anche di più, mister Iachini è corso ai ripari. Fuori lo spaesato Cochev, dentro uno dei nuovi, Trajkovskj, e il Palermo è sembrato quello dell’anno scorso per alcuni tratti. Vazquez, orfano di Dybala, ha trovato nel macedone uno con cui avviare un dialogo che speriamo possa proseguire a lungo, Rigoni e Jajalo hanno chiuso le maglie a centrocampo, Gonzalez ha dettato i ritmi alla difesa e avviato qualche buona ripartenza e nel secondo tempo c’è stata una sola squadra in campo. E c’è stato anche il tempo di dare una occhiata ad un altro dei nuovi arrivati, u biunnu, che è entrato in partita con autorità e sicurezza. E alla fine sono arrivati i tre punti. È già all’uscita dallo stadio si è sentito qualche “certo con Gilardino la davanti….”.

La vittoria, che all’esordio in campionato mancava da cinque anni, significa fiducia ed entusiasmo per questo giovane Palermo e soprattutto una sfida di vertice con la sorprendente Udinese vittoriosa sul campo dei campioni d’Italia. E se domenica sera … e se magari gioca pure Gila … e se nel frattempo arriva un altro esterno o un altro attaccante… Insciallah!

7 commenti

Lascia il tuo commento
  • 25 agosto 2015 07:54

    Grazie Mille per la citazione nell’articolo…gli Arabi hanno fatto grande la Sicilia…e questa domenica ci hanno pure salvato!!! Sempre e solo Forza Palermo !!!

  • 25 agosto 2015 09:54

    Orgoglioso di voi
    Bravi

  • 25 agosto 2015 10:21

    io neppure sono obiettiva. vi amo incondizionatamente…

  • 25 agosto 2015 10:27

    ps. nonostante il calcio…

  • 25 agosto 2015 21:14

    Oh, certo che però avete qualche problema coi nomi. Porterà pure bene, ma non ci fate una bella figura: TRAJKOVSKI non Trajkovskj. CHOCHEV e non Cochev. Oppure, per i puristi, ČOČEV.

  • 25 agosto 2015 22:08

    Però almeno u biunnu lo abbiamo insertato… se poi quelli che sbagliamo continuano a segnare vedrai che cosa tiriamo fuori nelle prossime partite…

  • 27 agosto 2015 13:08

    buongiorno a tutti e due… mi fate una lista dei 10 giocatori più sopravvalutati della nostra serie A?
    (naturalmente il post è per tutti i partecipanti)

Lascia un commento