i fatti dopo il ragionamento

Cercasi Vazquez disperatamente

di

La sconfitta del Palermo a San Siro figlia della serata no di troppi protagonisti annunciati. A cominciare da quello più atteso Cercasi Vazquez | Blog diPalermo.it

Bisogna saper perdere, non sempre si può vincere. Prima sconfitta in campionato, alla fine anche meritata perché il Palermo, soprattutto nel primo tempo, ha giocato male. Ha saltato sempre il centrocampo con lanci lunghi e, fino a quando non è entrato Gilardino, nel secondo tempo, nessuno lì davanti beccava un pallone. Quando però recuperi il risultato per ben due volte perdere fa comunque male. Qualche disattenzione di troppo in difesa e Bacca ha fatto la figura di Ronaldo. Alla fine perdere a San Siro ci può pure stare. Io continuo a ripetermelo, ma come mai non sono riuscito a dormire?

LE PAGELLE

Sorrentino – 6

La punizione non sembrava imparabile. Per il resto è sempre attento e anche questa volta deve fare i conti con compagni in stato catatonico. Rassegnato.

Struna – 6

Stava per fare autogol. A volte è un pericolo per sé e per gli altri. Ma almeno ci mette sempre grinta e cuore. Grezzissimo.

Gonzalez – 5,5

Sarà il fuso orario. Sarà la brillantina che gli cala nel cervello. Da due partite è irriconoscibile. In coma.

El Kaoutari – 6

È il migliore della difesa. Sempre attento in marcatura e abbastanza reattivo. Tonico.

Lazaar – 5,5

Dorme ancora. Il primo gol arriva da un cross di Calabria che lo lascia di sasso. Non spinge e non copre. Abulico.

Chochev – 5,5

Sembra il ritratto della mediocrità. Non contrasta con efficacia e non è memorabile quando ha la palla al piede. Anonimo.

Jajalo -4,5

Ha lo stesso brio di un soprammobile. Sbaglia proprio tutto e se Brugman non gioca al suo posto sarà perché ha insultato Iachini oppure ne insidia qualche parente. Statua.

Hiljemark – 10

Segna sempre, in tutti i modi. Corre, imposta e contrasta. Idolo.

Quaison – 6

Prova a spingere con una certa continuità. Manca troppo di precisione. Arruffone.

Vazquez – 5

Gioca solo 10 minuti. E non incide più di tanto. Chi l’ha visto?

Djurdjevic – 5,5

Va premiato l’impegno e la corsa. Anche lui ha la faccia da galeotto e prova a spaventare gli avversari almeno così. Evanescente.

Gilardino – 7

Assist fantastico sul secondo gol. Entra e la squadra comincia almeno ad avere un po’ di profondità. Speriamo arrivi presto anche il gol. In evoluzione.

Traikovsky – 6

Entra ed è sempre tra i più dinamici e propositivi. Non si accorge di essere solo e mette la palla di testa indietro senza neanche provare a sognare. Peperino.

Rigoni – s.v.

Iachini – 5,5

Cambia modulo e non se ne capisce il motivo. Continua a tenere in campo Jajalo anche dopo che ha dimostrato di non essere presente a se stesso. Si fa pure espellere. Nervoso.

6 commenti

Lascia il tuo commento
  • 20 settembre 2015 10:19

    Siamo sicuri che Goldaniga non possa giocare al posto sia di Vitiello che di Struna, Jajalo inguardabile, Vazquez si e’ montato la testa e fa solo giochini e tunnel non riusciti, Chochev manco a dirlo…..mamma che squadretta che abbiamo

  • 20 settembre 2015 14:49

    Vero…perdere a San Siro ci può stare, ma no dopo avre recuperato due gol e prendere il terzo in quel modo. Ci può stare di perdere, ma con squadre di ben altro livello.
    Forse per questo non sono riuscito a dormire neanch io.

  • 20 settembre 2015 17:39

    Lottare per la salvezza. Queto ci aspetta e su questo ambiente, squadra e dirigenza devono puntare. Parlare di Europa o di amenita’ simili potrebbe essere pericoloso oltre che fuiri luogo. Il tutto condito dalla speranza che Iachini sia lasciato tranquillo nel suo lavoro senza che a qualcuno torni la fregola del licenziamento. Oltretutto spero che nessuno pensi che Empoli, Carpi e Frosinone hanno i tre ultmi posti prenotati e che noi quindi possiamo dirmire sonni tranquilli.
    Al di la di tutto ho un grossso timore. Il reparto offensivo composto da un ragazzino imberbe che si e’ pure inforunato e da un veterano che deve ancora ritrovare forma e tenuta. Dietro di loro non c’e’ neanche un Makienok o un Joao Silva che fanno numero. E’ normale?
    Che Dio ce la mandi buona

  • 20 settembre 2015 17:46

    L’importanza delle riserve e’ fondamentale, anche se giocano poco. Un attaccante di peso da inserire negli ultimi minuti di una partita bloccata sullo 0-0 per dare una svolta tattica ad una gara e’ indispensabile. Come per assurdo e’ stato utilissimo Makienok nello scorso campionato. Sno pazzo? No. Andatevi a vedere il gol del 2-1 sul Cesena da parte di Gonzalez, quando i difensori bianconeri una volta entrato il danese, andarono a raddoppiarlo in marcatura, temendo la sua altezza, lasciando lo spazio al costaricano per segnare. Evsenza quel gol e quella vittoria chissa’ quali discorsi adesso avremmo fatto.

  • 21 settembre 2015 10:35

    Questa squadra lo scorso anno è stata tenuta in piedi dalle evoluzioni del duo Dybala-Vasquez, dal rigoni goleador e dalle parate di Sorrentino. Quest’anno Il Mudo è abulico non ha una spalla e sembra svogliato, in difesa facciamo acqua sia al centro (vedi Gonzalez che sulla fascia sinistra (vedi un mediocre Lazaar) il centro campo non fa filtro, impostazione affidata a Jajalo che fa solo passaggi laterali alla velocità di una tartaruga (a questo punto meglio fare giocare Maresca) in panchina mancano dei sostituti all’altezza, non capisco perché si è mandato via Benali e non si da una chance a Brugmann…Restiamo in attesa di vedere Gila in condizione e che segni il primo gol altrimenti son dolori…

  • 22 settembre 2015 08:13

    Cercasi disperatamente punta, direi, dopo l’infortunio a Djurdjevic. Di sicuro la fortuna ha un certo peso, ma Iachini aveva chiesto, dopo la partenza di Belottie l’arrivo di Gilardino, due punte. Adessoc dobbiamo solo sperare e cercare di arrivare a gennaio…Zamparini, suo malgrado, dovrà scucire i cordoni della borsa.
    Sempre che non si trovi l’occasione della vita, nel mercato degli svincolati…

Lascia un commento