i fatti dopo il ragionamento

È notte alta e sono sveglio

di

La sconfitta del Palermo col Sassuolo, un'involuzione preoccupante e troppi giocatori fuori ruolo o al di sotto dei propri standard. Il risultato? Noi abbiamo dormito poco e niente. E voi? Insonnia | Blog diPalermo.it

Notte fonda alla Favorita. Lento, timoroso, involuto e depresso, il Palermo perde malamente contro il Sassuolo, ci regala una notte in bianco, ci rovina l’idea di una trasferta a Torino lato granata e soprattutto ci lascia preoccupati per il prosieguo del campionato. Eravamo quasi pronti a mettere un 4 complessivo ed andarcene a letto dimenticando questa storta serata in cui non sappiamo cosa salvare. Difesa lenta, centrocampo abulico e senza idee, attacco non pervenuto, mister sempre più nervoso (e immaginiamo presidente infuriato).

Ma siccome vogliamo cercare di dormire almeno un paio d’ore proviamo ad arzigogolare nella nostra mente ottenebrata una serie di ragioni, inspiegabili ai comuni mortali, per cui vedere una luce fioca anche nella notte più nera. Allora ci diciamo che la classifica è ancora positiva, pensiamo che peggio di così non possiamo giocare, riteniamo che magari siamo ancora imballati per una preparazione pesante e tarata su un campionato lunghissimo, leggiamo che siamo sopra la Juve e il Napoli. E poi voliamo con la fantasia e immaginiamo che magari all’Olimpico di Torino Vazquez si ricordi che Dybala abita a pochi passi e si intristisce un po’ meno, Gilardino si ricordi che vuole arrivare a 200 gol, Gonzalez interrompa la fornitura di gel e ricominci a marcare gli attaccanti avversari, Lazaar e Rispoli azzecchino almeno un cross ogni dieci tentativi, Belotti entri in campo e magari la metta per sbaglio nella sua porta. In fondo è il bello del nostro sport preferito, tutto può succedere quando meno te lo aspetti e sognare non costa niente. Certo prima dobbiamo riuscire ad addormentarci.

Colombi – 6

Sul gol è incolpevole. Per il resto almeno un paio di buoni interventi. Sveglio.

Rispoli – 4,5

Corre. Se fosse il golden gala sarebbe anche un bello spettacolo. È il pallone che rovina la scena. Negato.

Struna – 6

Il suo lo fa. Magari arranca per colpa della capigliatura che lo confonde però a noi fa pure tenerezza. Sempre più grezzo.

Gonzalez – 3

Non c’è due senza tre. Riesce a giocare peggio che nelle ultime due partite e Floccari lo frega con una finta al rallentatore. Smarrito.

El Kaoutari – 6

Il migliore di una difesa balbettante. Ma almeno c’è. Presente a se stesso.

Lazaar – 4

Si è convinto di meritare la Champions. Si esibisce in finte che non ingannerebbero neanche mia nonna. E non corre più. Tascio.

Rigoni – 6

Corre per venti minuti. E sono i migliori del Palermo. Ci mette il solito cuore ma stavolta non riesce a segnare. Prende un secondo giallo incomprensibile. Amareggiato.

Jajalo – 4

Sprofonda. Arranca. Non corre e non imposta. Si confonde e perde palla.Non pervenuto.

Hiljemark – 5,5

A sinistra sta sempre meglio un mancino naturale. E lui non lo è. Non ha il passo e la voglia delle altre partite. Spento.

Vazquez – 5

È l’unica fonte di gioco e passa la partita a prendere botte. Ci prova sempre a saltare l’uomo ma gioca a venti metri dalla porta. Si mangia un gol fatto. Scoraggiato.

Gilardino – 5

Forse è la mancanza di condizione oppure il fatto che è troppo isolato. Di certo c’è che stasera sbaglia anche gli appoggi e si perde quando ha la palla. Missing in action.

Traykovsky -5,5

Non gli si può chiedere la luna. Lui almeno un po’ di brio ce lo mette. Ma la sensazione è che non sia chissacchè. Rincalzo.

Maresca – 5,5

Entra con la squadra già depressa. E non riesce ad apportare nessun beneficio. Meglio di Jajalo. Ma lo sarebbe stata anche mia nonna. Timoroso.

Quaison – 6

Porta un minimo di speranza. Nei primi minuti salta gli uomini sulla fascia con regolarità. Poi si adegua al ritmo dei rosanero. Evanescente.

Iachini – 5

Insiste su Jajalo. Mette a sinistra Hiljemark e lo snatura. Lo capiamo che la rosa è striminzita ma se perde pure lui la testa facendosi espellere sempre non aiuta. Nervoso.

10 commenti

Lascia il tuo commento
  • 24 settembre 2015 08:30

    Una tristezza (e una noia) infinita.
    Mai avrei creduto di rimpiangere Morganella, mai.
    E Maresca ha un tasso tecnico che questa nostra mediana nemmeno se lo sogna.
    Ho come l’impressione che Zamparini “suggerisca” delle scelte tecniche (per esempio? Abbandonare Maresca, invendibile, a vantaggio di qualche scarpone su cui può sempre lucrare) che rendono Iachini leggermente nervoso…

  • 24 settembre 2015 08:33

    Il giocatore che sta conoscendo la peggiore involuzione è Lazaar. Inguardabile.

  • 24 settembre 2015 09:00

    Tascio. Il giudizio più azzeccato che sia mai stato scritto per valutare la prova di un giocatore da quando l’uomo inventò il pallone. In quel “tascio” c’è tutto.

  • 24 settembre 2015 10:13

    bisogna tornare al metodo ballardini (o prendere ballardini direttamente)
    4-3-1-2, o 4-3-2-1 che dir si voglia
    hiljiemark trequartista come bresciano (lo svedese non sa difendere)
    deve giocare uno che sappia impostare il gioco (forse brugman? chi l’ha visto?)
    lazaar mezzala o fuori rosa
    i terzini facciano i terzini, perchè altro non sanno fare
    gilardino, se è ancora giocatore, faccia prima la preparazione
    così forse ti salvi, Beppe

  • 24 settembre 2015 11:09

    Dio ci scansi da Ballardini.

  • 24 settembre 2015 13:27

    Io ho visto una squadra giocare in dieci,undici meno gilardino…Qualcuno scriveva che la rosa era al completo ed infatti si sta vedendo.Nel campionato scorso bastava dare la palla a Vaquez ed a Dybala e qualcosa la inventavano.Vasquez gioca da solo,non ha compagni su cui scaricare la palla,partendo dai quaranta metri,dopo venti metri di dribbling e botte è chiaro che non incide per nulla.Il centrocampo,credo,ha solo bisogno di tempo e poi si aggiusterà ma mancano due attaccanti ed un esterno di destra.Mancano ancora trentatre punti alla salvezza,chi parla di europa è sicuramente in malafede.Forza Palermo…

  • 24 settembre 2015 13:46

    “A sinistra sta sempre meglio un mancino naturale….”

    Ma chi lo ha detto?
    Avete mai sentito dire nel calcio “si accentra e prova il tiro”?

  • 24 settembre 2015 18:13

    Colombi: Sul gol è incolpevole, ma ci fa venire un cac…o su quel dribbling in area. Sicuro di sé, spero non troppo al momento;

    Rispoli: Un cecchino…sì, nel colpire puntualmente nel cross l’avversario di fronte;

    Struna: Il suo lo fa, ma forse in una difesa a 3 non è congeniale, visto che in estate ha fatto vedere delle belle incursioni in avanti;

    Gonzalez: Ha dimenticato la testa in Costa Rica;

    El Kaoutari: Fa il suo, ma non vorrei che si adeguasse al resto;

    Lazaar: Si è montato la testa di giocare la Champions. Certo, a questo punto a quelle cifre l’avrei dato immediatamente;

    Rigoni: Risucchiato nel nervosismo generale, però la seconda ammonizione non ci sta proprio. Pairetto, come a suo padre: gran CORNUTO!!!

    Jajalo: Gli si chiede di fare quello che non sa fare, ovvero creare. Però non si possono sbagliare i passaggi semplici;

    Hiljemark: Troppi elogi nel post-Milan. Adagio con i giovani;

    Vazquez: Non c’è nessuno che dialoga con lui e s’interstardisce nel tener palla. Inammissibile che deve andarsela a prendere nella prima metà di centrocampo e comunque troppi falli cattivi non menzionati. Alla pari, Balotelli ha fatto ammonire ben 5 giocatori in una sola partita.

    Gilardino: ha bisogno di giocare nel suo spazio e soprattutto che gli arrivino palle decenti.

    Traykovsky: Quando i titolari vanno in confusione, non gli si può chiedere certo a lui di metter ordine;

    Maresca: doveva giocare da subito, anche per una questione di partite ravvicinate. Invece iachini sìinterstardisce;

    Quaison: Anche lui come Traykovsky;

    Iachini: Testardo!! Zamparini dice minkiate e ci siamo abituati, ma è lui che segue e trasmette alla squadra ansie e confusione. Cambiare ogni partita modulo, giocatori, snaturarli e sfiduciarli, non porta a nulla di buono.

    Non credo che nel complesso questa squadra sia peggiore dello scorso anno, ma il disastro lo si crea nel momento in cui il nervosismo prevale sulla logica delle cose. Nell’anno della retrocessione siamo scesi giù per questo e no perché eravamo scarsi.

  • 24 settembre 2015 21:13

    Dai ragazzi che non è niente. Il bilancio l’abbiamo a posto e poi Carpi, Empoli e Frosinone non sono già in serie B? O no?

  • 25 settembre 2015 21:39

    Come per tutto il resto, ci dobbiamo lamentare, sempre. Dopo le prime tre partite era champions, oggi e’ salvezza, forse. Ridicoli. E basta

Lascia un commento