i fatti dopo il ragionamento

Fine di un amore (in Sicilia)

di

La Sicilia spezzata in due (ma anche in tre) e la storia impossibile fra un palermitano e una ragusana. Perché la passione conta. Ma come la mettiamo con l'esaurimento nervoso? Strada Chiusa | Blog diPalermo.it

Fin quando impediscono il libero scambio delle merci va bene. Fin quando fanno ritardare le consegne e va bene. Ma l’amore no. Le strade non possono essere la causa della fine di un amore. Non è giusto. Non è deontologicamente corretto. Una strada è un congiungimento. Invece la parola che sembra dominare la Sicilia oggi è “spezzata”. Che è una parola brutta, violenta, quasi onomatopeica. Lascia intuire il dolore.

La Sicilia è spezzata in due, o forse è spezzata in tre, o in quattro. E all’interno è spezzata in mille arterie sanguinanti che non portano da nessuna parte. Ma l’amore no, dicevamo. Una strada non può spezzare un amore nato tra due siciliani. Metti che un ragusano si innamori di una palermitana, perché l’amore, sapete, arriva a tumpulata. Si coltiva e, nonostante la distanza, resiste. Un amore può sopravvivere a tutto ma no alle strade siciliane.

Quest’amore di cui parlo è quello di una donna della provincia palermitana e del suo uomo della provincia iblea, che praticamente in termini di raggiungimento è come dire Milano con Roma andata e ritorno. Un tempo si vedevano spesso perché tre ore di strada e autostrada, quando si ama, passano in fretta. E anche quattro passano in fretta, ma quando ne devono passare sei, di ore, il tempo in fretta non passa.

Sei ore per due volte alla settimana passate in auto significa sottrarre un tempo infinito alla vita. Lui c’ha provato a raggiungere Palermo da Messina. C’ha provato anche da Gela e da Caltanissetta, e da Agrigento e da Messina. Ma il tempo passato davanti a un volante è un tempo rubato.

Così i due si sono lasciati. Ma no perché non si amassero. Semplicemente perché a lui è venuto l’esaurimento nervoso. Perché l’esaurimento nervoso arriva come l’amore, a tumpulata. Perché le strade spezzate l’amore non lo fanno arrivare da nessuna parte.

Forse i due si rimetteranno insieme. O forse no. Non lo so. Di certo è stata l’impossibilità di percorrere strade normali a far finire la loro vita insieme. Un po’ come nel dopoguerra, ma allora c’era la speranza della ricostruzione.

3 commenti

Lascia il tuo commento
  • 12 ottobre 2015 15:12

    Il fidanzato ragusano non conosce evidentemente dell’esistenza della trazzera creata dai grillini, per amore si affronta anche quella.

  • 12 ottobre 2015 18:20

    La lontananza è come il vento: spegne i fuochi piccoli, ma accende quelli grandi (D. Modugno)

  • 13 ottobre 2015 15:14

    Magari ha conosciuto anche lui la barista dell’Autogrill di Sacchitello…

Lascia un commento