i fatti dopo il ragionamento

Riepilogando

di

Miccoli3 | Blog diPalermo.it

Riepilogando. La Saguto sta a Borsellino come Miccoli sta a Falcone.

(Franco Cascio)

2 commenti

Lascia il tuo commento
  • 21 ottobre 2015 09:37

    Paragone non equo. Miccoli è uno qualunque, non palermitano, non nella materia, che si può anche definire stupido per quel che ha detto. La Saguto era collega, amica, collaboratrice, forse hanno anche mangiato allo stesso tavolo, ma sicuro avevano in comune una cosa: la lotta alla mafia….no, il paragone non regge.

  • 21 ottobre 2015 10:04

    Invece sai perché il paragone regge?
    Perché Miccoli non era uno qualunque. Miccoli era il giocatore simbolo del Palermo, quello che era capace di risolvere le partite con un’invenzione, era quello che faceva vincere Davide contro Golia, quello che rendeva orgogliosi i tifosi rosanero, quello che si era ribellato al mafioso Moggi e che per questo era stato esiliato in Portogallo, al Benfica. Lui si era contrapposto al sistema della Triade bianconera.
    E la Saguto era colei che doveva togliere ai mafiosi per restituire a noi cittadini. Invece era praticamente connivente con loro.
    Teoricamente erano due simboli.
    Praticamente sono due merde!
    Ecco perché il paragone regge.

Lascia un commento