i fatti dopo il ragionamento

Con le pinne, fucile ed occhiali…

di

La provocazione di Vecchioni e la spiccia demagogia di Crocetta immortalato a mare. Ma era davvero questa la risposta da dare al cantautore? Crocettaesqualo | Blog diPalermo.it

Solo dopo un secondo realizzi che in realtà si tratta del disordine con cui tiene i suoi effetti personali, metafora forse dell’azione politica condotta nel governo della Regione. Perché, a primo impatto, viene in mente la spiaggia-discarica della gita fuori porta di Fantozzi, quando insieme a Filini incontra l’intellettuale Franchino.

Una scarpa qua e una là, infradito aragosta, una coca zero, un pantalone, una giacca, zaini, le Marlboro, teli da mare, un cellulare, un marsupio. E poi l’ombra di chi immortala la scena. Dove il protagonista è lui, Rosario Crocetta, adagiato sui ciottoli come un capodoglio arenato. A dicembre in Sicilia si può ancora andare al mare. Per dimostrarlo, la copia del giorno del GdS. Almeno il buon gusto di non scegliere quella di Repubblica, per non rievocare troppo la celebre polaroid di Aldo Moro nel covo delle BR, alla quale comunque inequivocabilmente si ispira.

L’atto simbolico – perché di questo si tratta e in questo il Governatore non ha rivali – per rispondere alle parole del cantante scrittore professore liceale Roberto Vecchioni che aveva definito la Sicilia “isola di merda”, frase – come si abusa dire in politichese, ma in questo caso è vero – decontestualizzata da un discorso molto più ampio. Passi che un rappresentante delle istituzioni non possa davvero fare a meno di rispondere alla boutade di un cantautore, ma che debba farlo in maniera così ridicola è davvero inspiegabile e dimostra ulteriormente, qualora ce ne fosse bisogno, la caratura dell’uomo mandato a governare la Sicilia.

La trovata di Crocetta poi appare assai pretestuosa se si pensa che le parole di Vecchioni, è chiaro a tutti, non facevano certo riferimento alle bellezze naturali della Sicilia. Ma l’occasione per ottenere visibilità attraverso un gesto simbolico di spiccia demagogia era troppo ghiotta per lasciarsela sfuggire.


[ Immagine: fotomontaggio originale di diPalermo - Policy]

2 commenti

Lascia il tuo commento
  • 08 dicembre 2015 15:56

    Troppo lungo questo post, troppe parole; ne bastavano tre: Crocetta è tascio.
    Che è sempre meglio che fascio, ovviamente, però…

  • 08 dicembre 2015 16:35

    Aspettando con ansia i miliardi che arriveranno dallo stato per quadrare i conti e la stabilizzazione dei precari sempre a carico dello stato in modo tale da potrr iniziare una nuova festa a base di spese e bagordi. Ma cosa significa essere Regione Autonoma?

Lascia un commento