i fatti dopo il ragionamento

Donne, ballate per voi stesse

di

123 | Blog diPalermo.it

C’è una cosa che si dovrebbe fare per imparare ad amare gli altri: amare se stessi. Una buona pratica su cui le donne hanno spesso difficoltà per una cultura distorta – si tratta di una generalizzazione, ma gli effetti negativi sono sotto gli occhi di tutti – tramandata su vasta scala e con una pazienza certosina. Di donne che amano troppo (ovviamente non se stesse) si iniziò a parlare più diffusamente con il libro omonimo della psicoterapeuta Robin Norwood, uscito in Italia nel 1989.

Da allora sono stati fatti molti passi avanti, non solo nella coscienza delle donne. Che però continuano a essere maltrattate, picchiate, ferite nel corpo e nell’anima. Un fenomeno trasversale, che colpisce a prescindere dalle latitudini e dallo status sociale. Chissà quante si vedranno recapitare proprio per San Valentino un mazzo di fiori, un profumo costoso, magari per farsi perdonare quelle botte: è l’ultima volta, giurerà lui.

Quest’anno, a San Valentino, facciamo un regalo a noi stesse e a tutte le altre donne che non si possono muovere, che sono impietrite dalla paura e dal dolore. L’appuntamento con One Billion Rising – il flash mob organizzato dal Coordinamento Antiviolenza 21luglio e dall’associazione Le Onde onlus, il centro antiviolenza di Palermo che fa parte dell’associazione nazionale Di.Re – è proprio domenica 14 febbraio alle 10.30, a piazza Verdi.

Contro la violenza sulle donne e sulle bambine, in contemporanea mondiale in tutte le città che aderiscono, la danza di quest’anno è dedicata in particolare alle profughe – spesso oggetto di violenza sessuale, completamente impunita da parte dei loro aguzzini – come se le traversate della speranza non bastassero. E poi ai matrimoni forzati e a quelle spose bambine che, oltre a perdere la verginità troppo presto, spesso perdono anche la vita.

Basta un click su facebook per organizzarsi e per dare un’occhiata alla coreografia, o per sapere dove fare le prove. Ma, al di là di tutto questo, è la presenza che conta. Ballate per Grazia, Matilde, Giusi, Ignazia, Chidima, Efia, Halima, Malkia. Ballate per voi stesse. Sarà il regalo più bello per San Valentino.

Lascia un commento