i fatti dopo il ragionamento

Benvenuto al nuovo Palermo

di

Palermo Calcio Stadio Tifos | Blog diPalermo.it

Benvenuto al nuovo Palermo Un punto che pesa di più di quanto vale. Dopo un filotto negativo che avrebbe steso un cavallo e a cui siamo sopravvissuti solo con alcool e ansiolitici di varia natura, il Palermo rivede una luce in fondo al tunnel. Sperando che non sia il solito treno in corsa in senso contrario, ci aggrappiamo alla prestazione dei rosa come una cozza allo scoglio. Novellino ha trasmesso grinta, cuore e anche un po’ di testa ad un gruppo che sino a due a settimane fa ci ricordava l’Almodovar di donne sull’orlo di una crisi di nervi.

Onestamente questa cosa del falso, finto, mendace, imbroglione e truffaldo nueve a noi non convince perché siamo tradizionalisti e ci piace la prima punta con tutti i crismi. Rimpiangiamo ancora quando i numeri di maglia indicavano esattamente il ruolo dei calciatori e il nove era il centravanti sincero.

La prima finale è andata. Adesso ci aspetta il Chievo e speriamo che il Palermo giochi con lo stesso piglio e che magari la migliore palla gol della partita (quasi unica) non capiti giusto sui piedi del più scarso di tutti. Comunque ci teniamo a sottolineare che il Palermo non ha rischiato nulla e ha giocato anche con una certa autorevolezza in alcuni frangenti. Insomma il bicchiere è mezzo pieno e stavolta ce lo beviamo tutto. Alla prossima!

LE PAGELLE

Sorrentino – 6,5 mai impegnato seriamente. Dà sicurezza al reparto senza sudare più di tanto. Senza doccia.

Struna – 6 sul voto pesa l’errore sotto porta che avrebbe potuto risolvere la stagione. Non gioca male e il fatto che pallone gli arrivi sul piede sinistro che usa solo per scendere dal letto attenua le sue colpe. Sciagurato.

Gonzalez – 6,5 attento per tutta la partita. Autorevole come raramente è capitato in questa stagione. Gli avanti dell’Empoli gli fanno solo il solletico. Statuario.

Andelkovic – 6 anche per lui una prestazione dignitosa. E soprattutto non tira magliette in area anche se talvolta ci va vicino. Irreprensibile.

Pezzella – 6 voi potete dire quello che volete ma a noi non sembra un grande campione. Si farà.

Hjliemark – 5 forse il centrocampo infarcito di guastatori lo penalizza. Perde troppi palloni ed anche in copertura commette qualche errore di troppo. Sarà tornata la fidanzata. Spompato.

Jajalo – 6,5 finalmente corre e picchia come piace noi. Certo la moviola è più veloce di lui. Chiodo.

Brugman – 6 nel primo tempo non tocca un pallone e a un certo punto ci siamo chiesti se fosse in campo o meno. Nella ripresa si fa vedere di più anche in fase di impostazione. Bipolare.

Quaison – 6,5 finalmente sempre nel vivo del gioco. Sforna un paio di assist di pregio che nessuno concretizza. Pimpante.

Trajkovski – 6,5 dà brio all’azione e si fa vedere bene anche in copertura. Non trova il tiro alla Del Piero e non sembra neanche Santino Nuccio però si applica. Decente.

Vazquez – 6,5 a noi questo non ruolo non convince, tuttavia le prende e le dà senza risparmio. Imprescindibile.

Lazaar – 6,5 la sua assenza e la contemporanea presenza di altri ci ha convinto che la salvezza passa anche dai suoi cross (anche se sbagliati). Bentornato.

Novellino – 7 la squadra ha finalmente una sua fisionomia tattica, fisica e sopratutto mentale. Grida come un ossesso e trasmette grinta alla squadra. Pare lo aiuti anche la nuova protesi al ginocchio. Indemoniato.


[ Immagine: Copyright © Tullio Puglia - Policy]

7 commenti

Lascia il tuo commento
  • 20 marzo 2016 13:25

    Il problema del Mudo è che, oltre che il falso nueve, per evidente inadeguatezza dei compagni che gli giravano intorno, ha tentato di fare anche il falso siete, il falso ocho ed il falso dies contemporaneamente. Cosa che riesce solo ad un certo Messi. A Novellino, il quale, sicuramente imboccato dall’ineffabile presidente, citava l’impiego a suo dire analogo di Recoba ai tempi del Venezia, vorrei ricordare che il Chino aveva davanti a sé un certo Maniero…

  • 20 marzo 2016 14:10

    è la storia della coperta, se la tiri da un lato scopri l’altro e questo Palermo addestrato da Novellino in due gare ha subito solo un gol, un quasi miracolo…
    per il resto la grinta, mi sembra, non sia ancora stata recepita in pieno dai giovinotti in maglia rosanero, osservando la gara, e quella di ieri con l’ingresso di Lazaar è forse il miglior Palermo possibile, tanta grinta e cattiveria non si è notata anche in certi comprimari che si sentono primiattori…

  • 20 marzo 2016 17:02

    E Bentivegna?

  • 20 marzo 2016 19:26

    Penso che questa squadra avrebbe bisogno di una scossa. chessò, un cambio di allenatore…

  • 20 marzo 2016 21:41

    ..vogliamo ORONZO CANÁ e la sua SEMI BIZONA !!

  • 21 marzo 2016 14:53

    Inutile girarci attorno. Zamparini non ha nessuna intenzione di restare in A. Conti alla mano, la vendita di Vazquez e i milioni del cosiddetto “paracadute” per chi retrocede per lui sono l’obiettivo principale prima di terminare la sua comq positiva esperienza in rosa&nero.
    Signori, siamo stati un decennio in A, ci siamo presi tante soddisfazioni, giocatori di levatura mondiale hanno vestito la nostra amata maglia, abbiamo persino sognato la Champions.
    Ora il sig. Zamparini, dopo essersi ripreso tutti i soldi investiti (e anche di piu’) sul Palermo, aver fatto degli investimenti considerevoli in citta’, si prende il suo TFR e ci saluta. Voi rinuncereste a piu’ di una decina di milioni prima di andarvene?
    Per le formazioni che scendono dalla A alla B il paracadute ammonta a 30 milioni da suddividere in modo proporzionale alla permanenza in A tra le squadre retrocesse.

    Novellino o meno, se questo inizia ad inanellare risultati lo caccia. Zampa temeva tropo uno Iachini in stile “Oronzo Cana’ “, che salvava la squadra contro il suo volere ahahahahahahha

  • 21 marzo 2016 16:46

    Oh che belle pagelle. Tutti sopra la sufficienza tranne lo spompato Hiljemark. Lo sciagurato prende lo stesso voto dell’irreprensibile? Il 7 all’allenatore è per quello che era seduto in panchina ad Empoli o sul divano di Vergiate?
    Mi sa che ho capito chi è il responsabile o meglio la responsabile del disastro Palermo. Altro che Iachini o Ballardini. Ma non si può esonerare la fidanzata di Hiljemark?

Lascia un commento