i fatti dopo il ragionamento

Palermo, aggrappiamoci a tutto

di

Curva Palermo | Blog diPalermo.it

Siamo già all’addio. In questo caos totale sono molti i tifosi palermitani rassegnati alla retrocessione, una parola che ormai aleggia domenica dopo domenica guardando le recite surreali dei giocatori in campo. A questo punto al tifoso non rimangono che due strade. Pregare ogni tipo di dio, anche pagano, oppure aggrapparsi a similitudini che la storia presenta. E in effetti, cercando cercando, qualcosa c’è.

Dovete sapere che in Germania l’Amburgo ha un primato che nemmeno la Juve ha. Non è mai retrocesso. Ma loro non lo dicono solamente, hanno anche un orologio che segna gli anni, i giorni, le ore e via dicendo. Serve a ricordare che dal 1963, anno di creazione del campionato, loro sono sempre lì.

L’anno scorso l’Amburgo ha iniziato il campionato con belle speranze. Una squadra decente, finanziata da un mecenate con molti soldi, un azionista del club, certo Kuhne (vi ricorda qualcuno?). La squadra non è proprio irresistibile, ma ha buone individualità, qualche vecchio leone, un portiere più che discreto e un allenatore apprezzato. E finora, coi paragoni, mi sembra che ci siamo. Solo che le cose non vanno come dovrebbero. Addirittura a un certo punto si rimedia pure un 8-0. Le cose precipitano e saltano tre allenatori (questo non potete dire che non vi ricordi nulla!).

Ed eccoci alle speranze. Nonostante il campionato disastroso, l’Amburgo arriva a giocarsi tutto in uno spareggio contro il Kalrsruhe. Chi perde retrocede. Ad Amburgo finisce 1-1, il ritorno è uno psicodramma. Segna il Kalrsruhe e per l’Amburgo sembra finita.

Ma al 91′ minuto una punizione disperata, sparata in porta, fa andare I galletti amburghesi ai supplementari e non in brace. Al 115’ un cross fatto per disperazione vede Muller più veloce di tutti, 2-1. Al 120’ l’Amburgo ha pure un rigore contro. Che il portiere para. Salvezza conquistata. Ecco, la domanda è: se quasi mezzo secolo di storia non si è azzerato per pochi minuti, perchè noi non possiamo sperare fino all’ultimo?

2 commenti

Lascia il tuo commento
  • 22 aprile 2016 08:23

    Finché c’è vita c’è speranza ma siamo stanchi.

  • 22 aprile 2016 20:45

    Anche al tram visto che adesso l’abbiamo

Lascia un commento