i fatti dopo il ragionamento

L’effetto Brexit su di me

di

Ragionamento semiserio sugli effetti dell'uscita della Gran Bretagna dall'Europa. Dal curry alle improbabili riunioni fra miliardari fino alle vacanze che non farò. Per restare a Palermo Brexit Londra | Blog diPalermo.it

Ora che il Regno Unito ha votato per lasciare l’Europa, mi domando – da cittadino inglese che vive a Palermo – che cosa succederà. In un momento di tale sconvolgimento politico monumentale, credo che sia fondamentale analizzare ciò che è veramente importante nella vita delle persone, ossia le vacanze.

Qualsiasi cittadino europeo che voglia prendersi una pausa di una settimana o due vorrà pensarci due volte prima di scegliere la perfida Albione. Ed è giusto così, poiché l’isolamento autoimposto della Gran Bretagna porterà inevitabilmente code negli aeroporti ben più lunghe di quelle attuali. Diciamolo chiaramente, a nessuno piace aspettare, quindi prevedo molti meno turisti europei.

Tuttavia il Regno Unito attirerà ancora gli americani. Se guardo nella mia sfera di cristallo, riesco a vedere molte migliaia di freschi elettori di Donald Trump mentre inondano le coste britanniche, in quanto essi apprezzano l’opportunità di mischiarsi fra simili e parlare di prezzi delle case.

Ameranno farlo. Sarà come una nostalgica riunione di famiglia, piena di quel “fasto cerimoniale” che Trump ha così affettuosamente ricordato quando recentemente ha fatto due chiacchiere con la sua compagna multi-miliardaria, la regina d’Inghilterra. Ma per gli europei, temo, quelle scintillanti luci della città inglese che una volta brillavano di speranza, apertura e opportunità, si sono spente. La moda di Londra è crollata e la Gran Bretagna si rivela ora un vecchio Paese frigido, un po’ scorbutico e introverso, con spiagge misere e un mare gelido. Quindi fate attenzione a quel manuale per le vacanze – si dimentica di menzionare gli sconsiderati tagli di capelli e le camicie mal tagliate della Gran Bretagna, la birra troppo cara e il clima da impermeabile.

È possibile mangiare del buon curry, ma ciò non si adatta a quanto sto dicendo.

Certo, il Regno Unito ha un discreto servizio di autobus – se non altro, vivere a Palermo per un paio di anni me lo ha insegnato – ma sul serio, a meno che non ci si possa illudere che la vista di un tetto di paglia riveli l’apice della cultura europea, allora una vacanza inglese sarà una vacanza spazzatura. Quindi grazie per i ricordi, Inghilterra, ma quest’estate io resterò qui a Palermo.

(traduzione di Monica Mosca)

3 commenti

Lascia il tuo commento
  • 28 giugno 2016 16:10

    Dopo Brexit, sarà Mini o Gran Bretagna?

  • 28 giugno 2016 18:46

    Keep calm and remain here. Il sinnacollanno ha detto che Palermo sarà accogliente anche con i neo-extracomunitari.

  • 01 luglio 2016 00:24

    A qualcuno è venuto mai in mente che se milioni di persone che hanno formato una maggioranza hanno stabilito di andare fuori dall’Europa, ci poteva essere qualcosa che non andava? Oppure devo andare dietro a un Mario Monti qualunque che ci dice che i popoli sono troppo ignoranti per questo tipo di scelte e che è meglio lasciare fare a loro che sono andati a scuola e che quindi di Europa se ne intendono?

Lascia un commento