i fatti dopo il ragionamento

Gli inarrivabili nani

di

Le gaffe a getto continuo dei grillini, l'offesa come sistema di comunicazione e l'inadeguatezza politica che ci fa rimpiangere la cinica raffinatezza dei democristiani. Con rispetto parlando Nani | Blog diPalermo.it

L’invito del senatore grillino Giarrusso al giornalista Davide Camarrone non stupisce per la violenza verbale, conferma piuttosto l’inadeguatezza di questa nuova generazione di politici rampanti che non sanno scegliere modi e parole, sconoscono le regole base della comunicazione, infarciscono i loro profili Facebook di offese e di gaffe primordiali, non riescono a capire che a un cittadino – poco importa che Camarrone faccia il giornalista – che critica l’orribile uscita di Di Maio sulla lobby dei malati di cancro (il prestigiosissimo e ambitissimo club dei malati di tumore, rendiamoci conto!) non si può rispondere invitandolo al suicidio – “buttati a mare con una pietra al collo” -, non si può non tanto per la violenza dell’invito stesso, quanto appunto per la sguaiatezza, la volgarità, l’inadeguatezza appunto, per questo linguaggio tribale e povero di argomenti che ci riporta alle comunità rurali di seimila anni fa, per questo continuo negarsi a confronti civili fatti di sostanza e di parole messe in fila, preferendo invece i ragionamenti da scuola serale, da guappi di quartiere che vedono nel potere una sorta di lasciapassare a tutte le cazzate che ci passano ogni giorno per la testa.

Ai grillini resta forse il merito di avere cercato una strada alternativa a quella politica paludosa in cui siamo nati, cresciuti e morti, ma il rischio che corrono – gaffe dopo gaffe, minchiata dopo minchiata – è che questa sorta di analfabetismo comportamentale, questa inadeguatezza di modi, questo sproloquiare alla Wilma dammi la clava finirà per farci rimpiangere finanche gli ingessatissimi democristiani di trent’anni fa, i bizantinismi in punta di lingua di Andreotti, mettendo in ombra quel poco di buono che stanno cercando di fare, tanto da farceli un giorno ricordare per quel che sono realmente, degli inarrivabili nani.

14 commenti

Lascia il tuo commento
  • 25 luglio 2016 08:22

    Certi grillini mi ricordano i frustrati della classe, quelli che nessuno invitava alle feste, che non avevano una ragazza, che non erano neanche bravi, vivevano in ombra guardando e invidiando gli altri, e accumulando rabbia repressa…e oggi vedono la loro rivalsa, avendo conquistato sul web 50 preferenze, ora hanno uno sfogatoio ufficiale da dove tirare fuori la tanta rabbia accumulato su chi, semplicemente, è sempre stato migliore di loro.

  • 25 luglio 2016 08:47

    Sono pericolosi, basta leggere i loro commenti di ieri sulla vicenda. Fanatici, violenti, come tutti gli ignoranti. E c’è chi s’illude che questo sia “il nuovo”. È un copione già visto purtroppo e tra quelli peggiori della nostra storia

  • 25 luglio 2016 09:16

    Prendono piede ahimè, Trump, Le Pen, Salvini, Farage,… purtroppo funzionano, i loro sostenitori non so stancano, anzi si eccitano ad ogni caduta di stile, ne conosco più d’uno purtroppo. “Ogni forma di fascismo si realizza attraverso la collera degli imbecilli” diceva Sciascia, la collerà questi personaggi credono di poterla sempre cavalcare, non conoscono la storia e non sanno che anche loro finiranno disarcionati. Sono pessimista purtroppo, scusate

  • 25 luglio 2016 09:24

    fascisti, nenache troppo mascherati

  • 25 luglio 2016 10:23

    Capisco che le persone sono stanche di essere amministrate da chi cerca di arricchire se stessi e la propria cerchia, ma non capisco nonostante ciò’ il proliferare dei tanti sostenitori del movimento cinque stelle. Pensano forse che siano diversi dai politici attuali? Forse hanno ragione, la differenza sta nella cultura, nella preparazione e nell’educazione.

  • 25 luglio 2016 11:10

    Non tanto fascisti, ma fanatici. E come tali sono in perenne o con noi o contro di noi.

  • 25 luglio 2016 11:12

    È vero Dr.Massaro, sono goffi, inesperti e spesso sparano minkiate. Ma il 30% dei consensi lo hanno conquistato, a parte gli elettori internauti, da quella classe media che prima muoveva l’economia di intere regioni. Questa classe è ora alla soglia della povertà, chiedetevi il motivo, che lei conosce benissimo, e non guardate gli eccessi lessicali o le maniere brusche perché alla gente interessa poco della forma ma molto della sostanza, molto più di prima.

  • 25 luglio 2016 11:25

    Classic straw-man argument, Mr. Vincenzo. Another is the point.

  • 25 luglio 2016 14:59

    La forma è sostanza Vincenzo, soprattutto se fai il politico, dopo vent’anni di Berlusconi e Bossi son stufo di gente che giustifica l’inciviltà come aspetto non fondamentale

  • 25 luglio 2016 19:14

    …pertanto non parliamo di nani. Di nani e ballerine Berlusconi aveva il copyright. Meglio scrivere di inarrivabili Pokemon. Mostriciattoli, appunto.

  • 25 luglio 2016 20:21

    Vogliamo parlare di Salvini che oggi ha definito la Presidente della Camera “una bambola gonfiabile”. C’è poco da stare allegri al pensare che probabilmente a capo della prima potenza mondiale sarà eletto uno come Trump.
    .
    Questi ci fanno rimpiangere De Mita e Cirino Pomicino.

  • 25 luglio 2016 20:50

    In effetti è molto meglio farsi fottere, pardon, prendere per i fondelli, dai soliti noti con le loro finte promesse e le sicure ruberie da almeno 30 anni. Questi signori almeno lo fanno con educazione e gentilezza, ed è quello che ci aggrada giusto? o forse no

  • 26 luglio 2016 07:28

    Dai soliti noti sei mazziato, dai nuovi invece cornuto e mazziato.

  • 30 luglio 2016 10:51

    In effetti è molto meglio farsi fottere…da decenni da mafiosi – politici..ma quello che mi fa pnsare che gli italiani sono di una superficialitá incredibile é che sparano su ragazzi che voglioni cambiare un sistema mafioso ed egoista,reo di aver portato l´iatlia ai bordi di un burrone …..complimentia tutti quelli che sono rimasti radicati sulla vecchia politica ladrona e mafiosa….

Lascia un commento