i fatti dopo il ragionamento

Frank De Boer uno di noi!

di

Palermo Calcio Stadio Tifos | Blog diPalermo.it

Grazie Frankie De Boer! Se invece di tenere Candreva a fare i filini in panchina lo avessi inserito almeno un quarto d’ora prima, oggi non saremmo qui a festeggiare il primo punto della stagione. Un Palermo ordinato e grintoso, attento in fase difensiva e coraggioso in avanti, aveva bloccato l’Inter per oltre mezz’ora. Poi, come se fossimo ad una qualunque partita di pallavolo, l’arbitro s’inventa un time out per la canicola di Milano e l’Inter si trasforma regalandoci un finale di primo tempo arrembante.

Sembra che la partita debba cambiare per sempre ma all’inizio del secondo tempo Rispoli segna il primo gol in serie A della sua carriera con un colpo di culo da antologia. Scarpata di sinistro e gluteo di un difensore a deviare. Siamo in vantaggio a San Siro e cominciamo a crederci. Il Palermo si difende con ordine e De Boer dorme in panchina. Poi qualcuno lo sveglia ed entra Candreva. Un paio di accelerazioni uno contro uno, una dormita collettiva in difesa e l’Inter pareggia con merito. Alla fine è assedio all’arma bianca. Resistiamo solo grazie a tre litri di birra e l’infarto per questa volta è scongiurato. Il Palermo conquista il primo punto e aspetta Diamanti ed una punta di livello adeguato. Ballardini ha fatto un grande lavoro e ci possiamo salvare. Per noi il bicchiere è sempre mezzo pieno, anche perché così se va male possiamo sempre berlo.

LE PAGELLE

Posavec – 6,5 è sicuro tra i pali e non sbaglia nulla. Sul gol è incolpevole e sembra proprio un veterano. Anzianotto.

Goldaniga 6 – sbaglia un gol fatto all’inizio e ci pare sia lui a perdersi la marcatura sul gol di Icardi. Però nel complesso non demerita e ci sembra un cavallo buono su cui puntare. Solido.

Vitiello – 6 nella posizione di laterale nella difesa a tre si trova più a suo agio. Difende con grinta e non si lascia mai prendere dal l’ansia che invece attanaglia noi sul divano. Sereno.

Andelkovic – 6 salva sulla linea un gol certo di Medel e già per questo merita la sufficienza. Anche lui sul gol di Icardi poteva fare di più e sbaglia qualche appoggio. Ma la grinta non manca mai. Soldatino.

Rispoli – 8 che gol meraviglioso. Cicca la palla come un tiratore orbo ma trova la chiappa del difensore dell’Inter e ci regala un sogno. Non lesina mai impegno e grinta. Benedetto.

Alesaami – 6 Candreva è un cliente troppo forte per lui e conferma che la fase difensiva non è il suo forte. Però in avanti non fa mai mancare il suo apporto e ha la maturità di un veterano. Sicurezza.

Gazzi – 6,5 gioca regista pur avendo i mezzi della piccola fiammiferaia. Non demerita ed è sempre lucido mentre in fase di contrasto è una furia. Uomo ovunque.

Chochev -6,5 rispetto alla scorsa stagione ci pare molto più sveglio. Sul gol di Rispoli ruba una palla d’oro a centrocampo. La velocità di esecuzione è da calcio anni 70 ma almeno ci prova. Moviola.

Hjliemark – 6,5 cuce il centrocampo come una sartina. Copre e imposta e non tira mai indietro la gamba. Vichingo.

Quaison – 6,5 forse ha trovato il suo ruolo. Gioca trequartista e all’occorrenza seconda punta e ci sembra il più pericoloso dei rosanero. Esce per un infortunio che speriamo non sia troppo grave. Riposizionato.

Nestorosvki – 6 giocare da soli in avanti non è facile. Se hai il fisico di Renato Rascel e i piedi di una ballerina di danza classica tutto è più complicato. Si applica con abnegazione e fa quasi tenerezza. Teddy Bear.

Sallai – 6 difende sempre la palla alla grande e ha personalità da vendere. Si vedrà.

Ballardini – 8 per noi è lui l’eroe di San Siro. Palermo ordinato tatticamente con equilibrio in difesa e più coraggio in attacco. Speriamo riesca ad inserire i nuovi arrivi. Ha l’entusiasmo del custode del cimitero ma di calcio ne capisce per davvero. Competente.

1 commenti

Lascia il tuo commento
  • 29 agosto 2016 09:29

    pero’ Zamparini deve lasciare.

Lascia un commento