i fatti dopo il ragionamento

Quanta bellezza dietro ai vetri

di

Un libro, ventotto scrittori e il fascino senza tempo di Palermo. Una guida alternativa per scoprire la nostra città e qualcosa di nuovo su noi stessi Libri1 | Blog diPalermo.it

C’è sempre un motivo per acquistare un libro. Per “Palermo dietro i vetri” ce n’è più d’uno. È una sinfonia di racconti, una guida emozionale di questa nostra singolare città, scritta da ventotto penne palermitane, siciliane, “indigene” o solo adottate o rapite dalla città, che nelle sue strade hanno abitato o abitano ancora.

Troverete il Borgo Vecchio e via Campolo, via Sant’Agostino e via Sciuti, il vecchio ed il nuovo, la Palermo della Zisa, quella del villino Florio ed anche quella senza, apparente, qualità. Lo so bene che non siamo l’ombelico del mondo, lo so bene che ci sentiamo sempre “Caput mundi” e che siamo vanagloriosi e stupidi, che a Catania si organizzano per il futuro e noi ci crogioliamo nel nostro fastoso passato senza riuscire a dare una vera svolta al nostro presente, ma è pur vero che tanta schizofrenia insieme a tanta bellezza artistica e culturale sia la quintessenza del valore dell’Umanità in questo nuovo secolo che non sa imparare dagli errori passati.

Città amata, odiata, vituperata eppure così fortemente parte delle nostre viscere. Noi ne siamo parte, a volte nostro malgrado, a volte invece è lei che scopriamo stizziti scorrere nel nostro Dna. E loro, gli scrittori sono i nostri Virgilio, le nostre guide. Ci portano nei quartieri e nelle strade che guardiamo ogni giorno regalandoci un punto di vista differente e nuovo. E una delle ragioni per cui il primo giorno del nuovo anno ho sfogliato le pagine di questo libro e vi invito a leggerlo, è perché penso che sia confortante che ci siano ancora uomini e donne che sappiamo regalarci parole di bellezza, racconti emozionanti o divertenti, fotografie comunque che innalzano il nostro quotidiano fino a farne letteratura, arte.

Ed infine chi ha avuto l’idea, realizzandola grazie a Torri del Vento, la casa editrice che ha pubblicato il libro, è Paolo Siena, libraio con l’hobby della fotografia, che lo ha pensato per una nobilissima causa che lo riguarda personalmente. Il ricavato delle vendite del libro infatti, sarà devoluto alla ASP 6 – Ospedale V. Cervello, agli ambulatori cittadini dedicati alla diagnosi e al trattamento dell’autismo, per quei bimbi speciali che guardano il mondo e la nostra città da un punto di vista diverso, spesso essenziale e per questo difficile. C’è sempre un buon motivo per acquistare un nuovo libro…

Lascia un commento