i fatti dopo il ragionamento

Noi femmine e Lei, Diletta

di

La Leotta al festival e quella bellezza imperdonabile. Soprattutto da noi donne. Perché nessun femminismo, nessuna evoluzione, riuscirà mai a metterci in pace con noi stesse Diletta | Blog diPalermo.it

Bella. Due cosce che sembrano l’autostrada di Dio, un fisico che o ce l’hai o non ce l’hai, un volto semplice, una bella voce, una dizione curata. Cosa ci può essere da criticare ad una donna giovane, famosa, brava, bionda, siciliana e amata dagli uomini? L’abito, ovvio. L’unica cosa che le si poteva criticare. Ok, anche il discorso ai giovani contro il cyber bullismo (Diletta, lascia perdere). Ma diciamolo francamente: la Leotta è di una bellezza che non lascia dubbi.

Eppure le donne non la pensano così. Non la pensano mai così. Non tutte, naturalmente. C’è una bellezza che dà fastidio, che lascia irritazione, che non si può perdonare. E allora bisogna demolirla. Ma come si veste? Perché non sta zitta? Con quello spacco e quella scollatura non può mica parlare di privacy! Troppo sexy. E poi è rifatta. Ed è anche volgare, con la mano cerca di spostare il vestito. E ancora, se è di Sky, che ci fa in Rai? Vada per la De Filippi (la De Filippi…), che è di Mediaset, ma la Leotta perché?

Nessun perdono alla bellezza delle donne. Non a quella che fa girare per strada i nostri mariti, che gli fa strabuzzare gli occhi, che attraversa come un lampo il loro sguardo, che li esorta a farfugliare commenti non richiesti e che per un attimo ce li fa sentire più lontani da noi. Noi donne.

L’abito, dunque. E dire che a Sanremo di abiti peggiori di quello di Diletta ne abbiamo visti. Quello di Giusy Ferreri, per esempio. Secondo me era inguardabile. Ma contro di lei, se critiche ci sono state, sono state sulla sua canzone. Come mai?

È un problema vecchio come il mondo, quello della competizione femminile. Solo le donne sanno essere più carogne degli uomini nei confronti delle donne stesse. Nessun femminismo, evoluzione, parità riusciranno mai a farci accettare il fatto che se chiedi a un uomo: “Ti piace Diletta Leotta?”, lui ti risponderà: “È proprio bona”.

9 commenti

Lascia il tuo commento
  • 09 febbraio 2017 09:39

    Da uomo posso solo “permettermi” di dire….
    PERFECT….

  • 09 febbraio 2017 10:56

    Bellezza imperdonabile? Guardandola negli occhi si sente il rumore dei copertoni quando sfiatano dopo aver preso un chiodo per strada. NON CI SIAMO.

  • 09 febbraio 2017 10:58

    Io sono una di quelle donne che l’hanno criticata e che continua a sostenere che poteva essere ugualmente bellissima e sexy con un altro look. Non sono invidiosa della sua bellezza – dovrei passare la vita a essere invidiosa di lei e di tante altre bellissime e sinceramente un po’ mi scoccia -, ho pure pensato: “Finalmente una siciliana che parla bene e che ci ridà un po’ di dignità”, ma credo anche che se voleva far parlare di sé c’è riuscita. Fin troppo. Ci ho trovato dietro la scelta di quella gonna una precisa scelta, questo mi ha dato più fastidio.

  • 09 febbraio 2017 12:44

    Ma E. è una donna o un uomo???

  • 09 febbraio 2017 13:16

    Sto con la Leotta (lei non lo sa ancora).

  • 09 febbraio 2017 16:06

    Ed è pure cataneseE

  • 11 febbraio 2017 10:05

    Una 500 anni settanta trasformata Abarth, con assetto da corsa. Cerchi in magnesio cromodora 500 Giannini. Fari anteriori simil-Bugatti Type 57, come nuovi. Fregio posteriore FIAT, artigianale, diametro 300.
    (Fischio) che bambola! “Era un cumulo di curve come al mondo non ce n’è,
    che spettacolo, le gambe, un portento, credi a me”. ( F.Buscaglione 1956).

  • 11 febbraio 2017 10:55

    E poi, “I nostri mariti”. La donna “che gli fa strabuzzare gli occhi, che attraversa come un lampo il loro sguardo, che li esorta a farfugliare commenti non richiesti e che per un attimo ce li fa sentire più lontani da noi.”
    Ma che razza di mariti avete? Raimondo Vianello, quando in casa Vianello appariva la nuova, provocante vicina. Con le fattezze di Giorgia Moll.

  • 16 febbraio 2017 17:55

    Se un bell’uomo si comporta da narciso mentre svolge lua attività professionale, forse che non da fastidio!?… Anche alle donne! Perché risulta antipatico! Per es. io direi: questo tipo è belloccio,, ma mi sembra un cretino! Perché per la donna non deve valere lo stesso discorso! Vorrei vedere se una donna medico, o di un’altra qualunque professione, che sia anche una bella donna, che va a fare una rivendicazione di carattere sociale, in un evento pubblico, anche se si tratta di Sanremo ci va mezza nuda, con un “atteggiamento da soubrette”?!?? E sta ragazza, indubbiamente bella, che si ritiene giornalista, è stato lampante che abbia colto l’occasione per esibire il suo corpo!!!…

Lascia un commento