i fatti dopo il ragionamento

Noi senza pallone non sappiamo stare

di

Fantozzi Partita Tv 2 | Blog diPalermo.it

Noi più di una settimana lontani dal Barbera non ci possiamo stare e quindi accompagnati da mogli, figli (legittimi e non), amanti, compagne, tifosi seri e occasionali (Fabrizio) ci siamo presentati a tifare per la Nazionale. Per noi gli Azzurri non si discutono, si amano.

Qualificazioni, amichevoli, tornei estivi, mondiale, mundialito, europeo e tornei balneari per noi valgono tutti allo stesso modo. Ma del resto due che sono andati a vedere Palermo-Spezia di Coppa Italia prendendosi una panzata di freddo pari solo all’amarezza del risultato finale, potevano forse perdersi l’occasione di vedere qualche giocatore decente giocare per la squadra per cui si fa il tifo?

Certo, non sono più i tempi di quando il Palermo riforniva di campioni del mondo anche la Nazionale ma al fascino della passerella internazionale non sappiamo proprio resistere e quindi seppure con un filo di nostalgia ci siamo accomodati un po’ emozionati. Il numero di tifosi albanesi ci ha francamente impressionato e per un momento ci siamo aspettati anche di poter mangiare un vassoio di cannoli di Piana che il nostro amico Sandro andava chiedendo a più riprese rischiando il linciaggio.

L’Albania si affida esclusivamente alla forza bruta e i giocatori in maglia rossa picchiano come fabbri ferrai. Dopo cinque minuti non a caso asfaltano in area un giocatore azzurro che non abbiamo capito neanche chi era visto che eravamo circondati da tifosi albanesi inferociti e urlanti.

Rigore netto, prognosi riservata e indagini in corso per tentato omicidio. Segna De Rossi tra i fumogeni lanciati dai sostenitori del paese delle Aquile (anche in campo internazionale non riusciamo a resistere al fascino del luogo comune!) e l’Italia si accontenta. Gli albanesi ogni tanto toccano il pallone invece delle rotule avversarie e si presentano in area azzurra almeno un paio di volte in maniera abbastanza pericolosa ma per nostra fortuna gli attaccanti in maglia rossa non ci sembrano tanto meglio di quelli in rosanero che ci deliziano ogni domenica. Il primo tempo è abbastanza mediocre e non ci fa rimpiangere troppo il campionato rosanero. Ma almeno qui si mantiene il vantaggio. 

Il secondo tempo comincia sotto una pioggia di fumogeni lanciati dal settore ospite che ci riporta ai fasti del derby con gli odiati cugini. Purtroppo la madre dei cretini è sempre incinta e pochi imbecilli tengono in ostaggio una bella serata di sport. Dispiace anche per i correttissimi supporter albanesi seduti in altre zone dello stadio che hanno onorato la serata. Vorremmo continuare con i luoghi comuni e con la retorica ma c’è la fredda cronaca a riportarci sull’attenti. 

Dopo sette minuti di sospensione l’Italia entra in campo molto più attenta e determinata e riesce a condurre in porto una vittoria fondamentale per il prosieguo delle qualificazioni prima raddoppiando con Immobile ed anche sbagliando un paio di altre occasioni che avrebbero reso il risultato un po’ più largo. Nulla di eccezionale per carità ma alla fine era importante vincere, divertirsi e riuscire a sfatare in qualche modo il tabù della Favorita, sperando serva anche per il nostro disgraziato Palermo. Vabbè è stato bello anche se solo per novanta minuti. Tanto lo sappiamo già che dalla settimana prossima si torna a roderci il fegato, tirare santioni, maledire in maniera irriferibile tutti i nostri giocatori. Insomma la solita vecchia vita dei vostri croni-tifosi.

LE PAGELLE

Buffon – 6 una serata di ordinaria amministrazione. Per le emozioni che vive ci ricorda più un portiere dentro la guardiola che un giocatore di calcio. Parole crociate.

Zappacosta – 6 gioca praticamente a centrocampo perché gli albanesi non superano quasi mai la metà campo. Smarrito.

Bonucci – 6 ferma gli avversari con la stessa facilità con cui Posavec prende gol. Autorevole.

Barzagli – 6 vederlo di nuovo giocare al Barbera ci commuove comunque. L’età gli dona. Modello. 

De Sciglio – 6 attento e ordinato. La verità è che non ricordiamo abbia toccato un pallone. Gioca solo su chiamata. Voucher.

De Rossi – 7 il clima da guerra civile lo esalta sempre e comunque. Mostra tutta la fedina penale e non tira mai indietro la gamba. Segna il rigore con autorevolezza. Daspato.

Verratti – 7 prova a giocare sempre la palla ma è difficile trovare compagni liberi. Ci piace assai ma purtroppo continua a farci rimpiangere ancora Pirlo. Aiuto regista.

Insigne – 6 dovrebbe saltare l’uomo ogni volta che lo punta ma forse teme di perdere una rotula o addirittura la milza. Terrorizzato.

Candreva – 6,5 è uno dei più attivi in avanti. Però manca un po’ di lucidità. Molto rumore per nulla.

Immobile – 7 come capigliatura non ci fa rimpiangere Morganella. Per il resto continua a dribblare senza muoversi sperando che l’avversario si sposti all’improvviso. Poi segna di testa. E non abbiamo niente da aggiungere. Tascio.

Belotti – 6,5 lotta e combatte come sempre. Gli mancano i palloni giocabili e pure un po’ di lucidità. Sarà l’aria del Barbera che lo fa regredire per la felicità del nostro amico Salvo. Frenato.

Ventura – 6 a noi continua a sembrare uno uscito dal manuale del calcio anni 80. Non è che se uno mette quattro attaccanti fa gioco d’attacco spettacolare. Ci ricorda sempre lo zio anziano con cui dividere una grappa alla 8 del mattino. Antico.

4 commenti

Lascia il tuo commento
  • 25 marzo 2017 10:30

    Bel colpo d’occhio, senz’altro. Rinasco, rinasco del mille ottocento cinquanta! ca puompa, come il cùcu dell’ore che canta. Le buone cose di pessimo gusto. Immagini e suoni perduti, foto sbiadite degli anni sessanta. Queste sono riproduzioni dai colori accesi, senza valore, ruffiane, da mercatini nei giorni di festa. Nulla mi lega al divo Buffon, applausi in odor di strisciato. Ad Insigne, volevo essere Miccoli. Al Belotti dimagrito. Insomma rimane solo indifferenza e la voglia, rimossa, di tifare per quelli in maglia rossa. Così “resche” da sembrare Palermo. La mia squadra.

  • 25 marzo 2017 12:26

    Ma il ritorno e’ a Piana?

  • 25 marzo 2017 14:13

    Comunque, è più divertente veder perdere il Palermo, per certi versi. (noja)

  • 27 marzo 2017 15:01

    Mi dispiace x voi!

Lascia un commento