i fatti dopo il ragionamento

Diamanti, ma che hai da ridere?

di

Il pari del Palermo col Bologna, l'ennesimo monumento all'inadeguatezza e alla sciatteria. Fra giocatori inspiegabilmente contenti e raccomandati che sembrano piombati in mezzo a un campo di serie A per puro caso. Toglieteceli di torno, please Diamanti | Blog diPalermo.it

Uno spettacolo così indecoroso e indegno non merita alcun commento. Anche perché si finirebbe nel penale in tempo reale. Anzi, come dice il giovane tifoso Mattia, già lo stesso uso della parola spettacolo per quello che si è visto al Barbera è  offensiva. Allora ci resta solo da augurare Buona Pasqua ai disgraziati tifosi. Calciatori, allenatori, presidenti, direttori sportivi andatevene tutti a… (primo esempio di articolo sportivo interattivo da completare a vostra scelta nei commenti, ovviamente cercando di restare al di sotto della soglia punibile della diffamazione, della ingiuria e della istigazione a delinquere anche se ci rendiamo conto che è difficile).

LE PAGELLE

Fulignati – 6 merita la sufficienza per i due interventi su Di Francesco. Chiaramente si tratta solo di una botta di culo. Miracolato. 

Cionek – 2 dal suo lato Verdi va a un’altra velocità. Lui lo guarda, va in apnea ed evidentemente prega. Avrà buone entrature in alto. Devoto.

Sunjic – 4 il classico macellaio da campo di prima categoria. Ha lo sguardo assassino di chi vende rotule di attaccanti al mercato nero di una città dell’est europeo. Sanguinario.

Andelkovic – 4 ci siamo pure dimenticati che fosse in campo. Non è strano vista la sua assoluta mediocrità e scarsezza. Non pervenuto.

Alesaami – 3 un monumento all’evanescenza e all’inutilità. Corre per lo più inutilmente e i suoi cross non fanno paura neanche a un bambino con problemi di autostima. Inutile.

Bruno Henrique – 2 ancora non abbiamo capito il suo ruolo. Di certo c’è solo che di brasiliano non ha proprio nulla e probabilmente è nato a Brancaccio. Fasullo come una carta da due euro.

Jajalo – 4,5 scarso ma almeno consapevole della sua condizione di miracolato. Non fa finta di essere un calciatore. Vaga per il campo felice di giocare in serie A. A volte picchia qualcuno e a volte si libera velocemente e male del pallone. Consapevole. 

Chochev – meno 5 ormai è chiaro: ci troviamo di fronte ad uno dei grandi misteri della vita. C’è gente che ha talento e non riesce. Gente che si impegna e resta al margine. Gente che non sa cosa fare nella vita e si ritrova a fare cose che non ha mai immaginato. E poi c’è lui: più inutile di un ombrello in una giornata di sole, più affaticato di una prostituta svedese in un bordello turco, più depresso di Giacomo Leopardi di fronte ad una eclissi di sole. Un monumento alla inutilità e al fallimento della meritocrazia. Incommentabile.

Trajkovski – 1 scarso lo è sempre stato ma almeno prima si impegnava. Sembra sempre capitato lì per caso. Lento e senza idee. È evidente che gioca solo perché il suo procuratore ci sgobba sul premio presenze. Raccomandato. 

Balogh – meno 8. chiaramente non è un giocatore di calcio ma neanche in altri sport andrebbe oltre i tornei amatoriali tra ubriaconi e divorziati. Ha il fisico di un giocatore di basket al primo anno da liceo o di un giocatore di pallavolo della categoria scarsoni. Ma sicuramente non è buono neanche con le mani. Deprimente.

Nestorosvki – 3 ha terminato qualunque alibi. I suoi gol li ha fatti e forse di più non gli si può chiedere. Ma neanche ci potete chiedere di dargli la sufficienza e forse anche Caressa ed i suoi giudizi precampionato andrebbero rivalutati. Arrivato. 

Lo Faso – 6,5 con tutta la gente scarsa che c’è non si capisce perché non giochi sempre titolare. Almeno in serie B potrebbe tornare utile anche perché si impegna cento volte più di tutti gli altri. Sembra sempre debba saltare tutti gli avversari e arrivare in porta. Sembra.

Sallai – meno 10. uno dei giocatori più presuntuosi e scadenti mai visti al Barbera. Quando alla fine spreca a porta vuota cercando di segnare di esterno capiamo che ha bisogno di uno psicoterapeuta che gli spieghi quanto è scarso. Ha pure il coraggio di lanciare la maglia in tribuna proprio vicino a uno dei vostri croni-tifosi che rischia seriamente in ictus alla vista di cotanto schifo. TSO.

Diamanti – meno 20. Già quando comincia a scaldarsi ci risulta irritante. Saluta tutti e ride anche se non capiamo cosa ci sia da ridere visto lo schifo che si sta vedendo in campo. Poi quando entra ed è anche peggio visto che riesce a sbagliare un gol che neanche il nostro amico Alessandro nella partita del martedì. Roba da ritiro immediato del tesserino da calciatore e denuncia alla Procura per esercizio arbitrario della professione e truffa. Chiudetelo in un ospizio per vecchie scarse meteore del gioco del calcio e levategli pure la pensione. Carico pendente.

Bortoluzzi – 4 merita un voto così perché continua a schierare Chochev e poi schiera Trajkovski e poi Alesaami e poi Balogh. Per il resto con una squadra così ci vorrebbe il Mago Silvan. E forse manco. Sim Sala Bim.

26 commenti

Lascia il tuo commento
  • 16 aprile 2017 10:34

    Ieri ho acquistato su SKY la partita in oggetto.
    Appena ho premuto accetta, s’è aperta na legendina in basso a sinistra. C’era scritto:
    MA SI SICURU?

  • 16 aprile 2017 11:21

    Io non capisco come mai nessuno si è accorto che è stato preparato tutto a tavolino da almeno 3 anni si continua a comprare il peggio che c’è in giro e siamo l’unica squadra penso al mondo che a gennaio si è ulteriormente indebolita cedendo 2 giocatori e prendendo Silvia a chi l’ha visto e non per essere pessimista ho dubbi che ci iscrivono in serie b

  • 16 aprile 2017 12:03

    Detto con il massimo rispetto. Ma se Bortoluzzi – del quale non ho mai sentito parlare se non quando conduceva negli anni 70/80 “Tutto il calcio minuto per minuto” – (ma è lui resuscitato o un parente?) in 20 e più anni di carriera ha sempre fatto il secondo dell’allenatore di prima squadra, un motivo dovrà pure esserci no? Cosa voglio dire, che l’allenatore è stato preso mediocre o pessimo per non squilibrare la squadra!

  • 16 aprile 2017 12:17

    Grandissimi giornalisti spirtivi. Fosse per me vi farei fare le pagelle del lunedi di tutte le squadre nella Gazzetta dello Sport. Eternamente grato.

  • 16 aprile 2017 12:21

    Squadra scandalosamente scarsa anche per la serie B, figuriamoci in serie A. Su Diamanti in effetti non ho capito cosa rida a fare con una situazione sportiva come questa ma ci fa capire che i veri problemi sono altri come ad esempio pagare tasse e bollette e con una situazione lavorativa da fare schifo. Lui del resto si allena le sue 8 ore al giorno… gioca o non gioco, segna o non segna, vince o perde, ha uno stipendio che qualunque essere umano normale sognerebbe.
    Purtroppo è un ex giocatore, parlo di Diamanti, mentre gli altri (salvo qualche eccezione) sono davvero inutili ed iniqui e sorprende come siano in campo in serie A. Balog è un mistero anche per se stesso a mio avviso. A me fa ridere che questi scassapagghiari abbiano pure chiesto, in modo decisamente poco elegante a mio modesto avviso, un premio salvezza di 2 milioni. Gliene possono mettere 20 di milioni in palio, non arriverebbero mai all’obiettivo.

  • 16 aprile 2017 12:51

    A….cogghieri alivi….. ma forse è troppo faticoso per ste negghie….Auguri a tutti

  • 16 aprile 2017 12:58

    Balogh chi ? Quello che è costato 2,8 milioni (di Euro, non di lire) per la sola mediazione ? Quanti giocatori migliori di questi avremmo poturo prendere al posto dei 5 allenatori (con relativi staff) e dei vari DS che si sono succeduti solo quest’anno ? Il problema non è solo Zamparini, bensì i comparucci di FIGC e Lega: avete presenti Tavecchio, DeLa, lo Zio Fester che prima o poi ritorna, Preziosi e compagnia cantante ? La retrocessione del Palermo è pianificata da almeno due anni. La simulazione di vendita al prestanome di turno (ieri Dal Cin, oggi Baccaglini) si ripete senza conseguenze per MZ nel totale silenzio degli organi di controllo. E pensare che a Palermo c’è ancora chi ha il coraggio di ringraziare. Segnalo a tutti l’analisi di Cettina Pillitteri su Forza palermo.it https://www.forzapalermo.it/news/palermo-venezia-biglietto-di-sola-andata.html. L’articolo rimanda a una sentenza emessa dalla FIGC contro Zamparini all’epoca del travaso Venezia-Palermo. Sapete che pena fu comminata al reo nel 2003 ? Pensate un po’: “l’inibizione a svolgere ogni attività in seno alla FIGC, a ricoprire cariche federali e a rappresentare le società in ambito federale per un periodo di otto mesi e l’ammenda di ben 10.000 € per il Palermo appena acquistato e per il Venezia venduto per finta (i classici bruscolini). Se si toglie ogni deterrente alla ripetizione dell’imbroglio, l’imbroglione continua a imbrogliare. Come sta puntualmente accadendo. E io che soffro (e pago) credendo che sia uno sport

  • 16 aprile 2017 13:31

    In tanti vi consigliammo di sospendere questa rubrica già dagli ultimi mesi dello scorso anno. Ma voi imperterriti. Esisterà anche il fascino dello sfacelo, vai a sapere.

  • 16 aprile 2017 17:05

    Ho avuto solo la forza di gridare “cannavazzo” a chochev quando è capitato dalle mie parti. Nemmeno posso sfardare l’abbonamento come si faceva una volta, con un gesto liberatorio. Ho capito che è meglio restarmene a casa da ora in poi. Gli altri amici abbonati non mettono più piede allo stadio da un pezzo, compreso mio figlio che pure mi sfotte. Solo per questo a zamparini u timpuliassi

  • 16 aprile 2017 17:07

    In tanti vi consigliamo di non leggerci piu perché se già arriviamo a 25 lettori come Manzoni siamo piu che soddisfatti. Ma niente imperterriti molti continuano. Esiste certamente anche il fascino del masochismo.

  • 16 aprile 2017 21:08

    Mio figlio di sei anni (saggio!) ha ormai perso l’entusiasmo dell’abbonato e anche ieri ha preferito andare a far altro con la mamma dichiarando “non voglio vedere perdere ancora il Palermo” … questa è la cosa che non si può perdonare al Palermo odierno: ci hanno tolto l’entusiasmo che dovrebbe sempre accompagnare il tifo calcistico. Non si tifa una squadra perché vince sempre … ma tifare per una che perde sempre è veramente difficile.
    Spero che possa tornare entusiasmo nel tentativo di vittoria del campionato di B!
    Un tifoso bolognese seduto accanto a me dopo qualche minuto mi ha detto “Il Bologna è una squadra mediocre … ma il Palermo è veramente scarso!” Ho sorriso, ho stretto i denti … è vero … pazienza

  • 17 aprile 2017 01:26

    La presa in giro è quella che dà fastidio. Io posso anche tifare per una squadra che perde. A patto che sia una squadra che entri in campo per vincere. Questa squadra viene invece costruita e messa in campo per altri fini. Per mettere in campo improbabili giocatori imposti da misteriosi procuratori slavi, frutto di strane e poco chiare operazioni di mercato (i soldi ci sono per pagare 5 milioni di euro Balogh, uno che nella vita avrebbe dovuto forse fare il tassista a Budapest).
    Perchè i tifosi dovrebbero sapere il motivo per cui, con 38 milioni di proventi televisivi e di milionarie plusvalenze questa società è sull’orlo del fallimento. I tifosi dovrebbero sapere o ricordare quanti milioni sono stati spesi per decine giocatori assurdi e presi senza senso, mandando via per un pacco di pasta gente che sarebbe stata utile alla causa (Rigoni su tutti).
    Perchè tutto questo? Cosa c’entra tutto ciò con il calcio? Chi sono e quale funzione hanno i signori procuratori slavi?
    Il friulano, tanto per ricordarlo, è uno che deve pagare fra i tanti debiti un centinaio di milioni al fisco e una sessantina alla Popolare di Vicenza (credito in sofferenza).

  • 17 aprile 2017 08:07

    Ciao Don Totò. Un esempio ? La “campagna rafforzamento” di quest’inverno. Via gli svedesi, dentro Silva (????????) e Sunjic. Serve altro ? Ma chi controlla i controllori ? Come è possibile che a Zamparini sia stato concesso tutto questo ? E nessuno pensi che in fondo si tratta di una società con un proprietario che può fare ciò che vuole. Qui ci sono da rispettare i diritti, oltre che dei tifosi rosanero, anche quelli di tutte le altre squadre, degli scommettirori. Qui c’è il dovere di rispettare il carattere competitivo di una competizione agonistica di tipo professionale. Come mai la Lega, la FIGC, la Covisoc, il CONI, la Finanza assistono inermi da anni a questo scempio, a questa gestione allegra dei fondi, a queste operazioni che non hanno nessun senso tecnico ma tantissimo senso in sede penale ? La chiacchiere di Baccaglini, rispetto a quelle di Zamparini sono solo condite di sorrisi e di termini americani (da “special purpose vehicle” a “recuitment”. Ma finora sempre chiacchiere restano. Quando si tocca il fondo si può sempre iniziare a scavare.

  • 17 aprile 2017 12:24

    Crediti in sofferenza, un bel guaio. 200 miliardi circa (Euro), il totale delle “sofferenze”, da parte degli Istituti Bancari Italiani. Vediamo un po’ come sta messa la Popolare di Vicenza, ecco un bel copia e incolla:”Al 30 giugno 2016, l’incidenza dei crediti deteriorati lordi sul totale crediti verso clientela lordi si attesta al 33,9% a fronte del 30,9% del 31 dicembre 2015. Alla stessa data l’indice di copertura dei crediti deteriorati è pari al 44,79%, in crescita di 4,15 punti percentuali rispetto ai livelli di fine 2015 (40,64%).”
    E parliamo di crediti deteriorati, che sarebbero i crediti in sofferenza già belli che iti, ovvero con la scritta in sovraimpressione. “Bambole, non c’è una lira!”. E dov’è che vorreste mandare la Guardia di Finanza, da Zamparini? Siete sicuri?

  • 17 aprile 2017 16:49

    Qui parliamo, fino a prova contraria, del Palermo e dei suoi protagonisti. Zamparini è ancora a pieno titolo un protagonista. Con i debiti verso l’erario e le banche. Parliamo di Balogh acquistato 5 milioni di euro, di una squadra in procinto di andare in serie B, di un futuro nebuloso e jncerto, di una società condotta senza programmazione, senza organizzazione, senza lasciar lavorare serenamente i professionisti ingaggiati. Perche la miseria non è vergogna e un Palermo senza soldi non è vergogna. La vergogna è non avere avuto un progetto, qualunque esso sia, ma un progetto. Poi si poteva andare in B o in legapro perchè le altre erano più forti. Ma farlo in questo modo a me fa male. E non perche l’artefice si chiama Zamparini o Vattelappesca.
    Un caro saluto a Vitogol.

  • 17 aprile 2017 18:46

    Sono d’accordo, Zamparini è un protagonista, anzi è l’unica grandezza del Palermo, grandezza nefasta quanto vi pare, ma pur sempre grandezza, rispetto al resto. Lo testimoniano i vostri commenti monotematici, ancora e sempre esclusivamente su di lui incentrati e non solo in quanto presidente del Palermo. Al tempo stesso non riuscite ad immaginare un futuro del Palermo, senza Zamparini. Odi et amo. Né con te, né senza di te. Il progetto di Zamparini ormai si è concluso. Certo, un finale diverso sarebbe stato più gradito, ma questo è, è durato peraltro quindici anni, non pochi, visto che un investimento di lungo periodo di solito non supera un simile arco temporale. L’eternità non è di questo mondo, ma soprattutto non è del mondo finanziario (dove ormai gravita, a gran velocità, il calcio moderno, forse non ve ne siete accorti). Comunque, ho visto il senatore Grasso al Barbera, alzarsi dalla sua poltrona per andare a riverire Mr. Baccaglini, ho visto il Sindaco Orlando accoglierlo nei suoi uffici, a braccia aperte e con nuovi sorrisi. Non so, ma sono molto preoccupato, mi piacerebbe di più, molto di più, un altro Zamparini, diciamo quello 2003/2013, compresa una Serie B a quei livelli. L’ultima Promozione da record, accolta però dalla Città con una certa freddezza. Si sa, la prima volta è sempre un’altra cosa.

  • 17 aprile 2017 19:12

    Romeo caro, non sono d’accordo con te. E questa non è certo una novità. Commenti monotematici ? Ci piacerebbe solo parlare di calcio, del Palermo, di vittorie e di sconfitte, di campioni e di brocchi, di retrocessioni dovute alla superiorità altrui e non alla ricerca spasmodica della nostra superiorità. E invece parliamo di un individuo che da anni monopolizza il dibattito con le sue azioni, le sue mistificazioni, i suoi voltafaccia, le sue dichiarazioni roboanti, la sua autoreferenzialità, i suoi esoneri, le sue “svolte” che durano sì e no qualche mese. Non riusciamo a immaginare un futuro del Palermo senza Zamparini ? Questa è bella, amico mio. Mi ricorda il bue che dice “cornuto” all’asino. Senza malizia.

  • 17 aprile 2017 19:14

    Oops, correggo “e non alla ricerca spasmodica della nostra inferiorità”

  • 17 aprile 2017 19:22

    Copio e incollo il comunicato Presidenziale pubblicato sul sito del Palermo in data 1 Settembre 2016 “Qui di seguito una breve relazione sulle operazioni di mercato effettuate dalla nostra società nella sessione appena conclusa. Il nostro mercato era condizionato dalle cessioni di Sorrentino, Gonzalez, Lazaar, Maresca, Vazquez e Gilardino. Al posto di Gonzalez è stato ceduto Struna e siamo contenti di aver tenuto il difensore costaricano. Pertanto con il nuovo Direttore Sportivo Daniele Faggiano la società ha operato nel seguente modo: In uscita per fine contratto Sorrentino ed in entrata Posavec, Marson e Fulignati. In uscita Struna ed in entrata Rajkovic. In uscita Lazaar ed in entrata Aleesami. In uscita per fine contratto Maresca ed in entrata Bruno Henrique, Bouy, Gazzi. Cessione di Vazquez ed in entrata Sallai, Embalo, Bentivegna e Lo Faso. Cessione di Gilardino ed in entrata Nestorovski e Diamanti. Riassumendo: per un totale di sei uscite, abbiamo operato dodici operazioni in entrata non conteggiando Posavec e Marson già in organico nella stagione 2015/2016. Siamo certi di aver rinforzato in maniera importante sia la difesa che il centrocampo. In attacco non siamo riusciti a concludere per un giocatore determinante, oltre a Diamanti, che a nostro parere con Nestorovski compensa ampiamente l’uscita di GilardinoDispiace che per i media il Palermo non abbia operato per rafforzarsi. Per noi l’ha fatto nell’ottica che. il nostro allenatore attui un gioco propositivo nel quale crede e per il quale ha sostituito Iachini“. C’è bisogno di ulteriori commenti ?

  • 17 aprile 2017 20:25

    Alle volte sono le circostanze che impongono la monotematicità. Alla quale inconsapevolmente (?) ne corrisponde una di riflesso.
    Però ricordo che ai tempi di Ferrara mai nessuno ha fatto cenno ad argomenti finanziari e mai nessuno parlava di bilanci e plusvalenze. Forse a Zamparini dobbiamo attribuire un meriito: quello di aver creato una tifoseria capace di affrontare l’esame di maturità in un istituto tecnico commerciale.

  • 17 aprile 2017 20:32

    Ecco, appunto, Gonzales poi non fu ceduto, evidentemente proprio per accontentare la piazza. E voi neanche un grazie! Anche su Lazaar ci sarebbe qualcosa da dire. Ricorderete senz’altro l’interesse del Monaco FC, pronto ad offrire ben 10 milioni per Lazaar, due anni fa. E i tifosi in subbuglio, ché volevano assolutamente Lazaar, anche senza Isaia, ma con Vazquez e Gilardino. Risultato: Lazaar ceduto l’anno dopo, ma per soli 3,5 milioni. 6,5 milioni buttati al vento, a chi lo addebitiamo questo mancato ricavo, a tutti gli effetti assimilabile ad una perdita secca? Sempre a Zamparini? Io lo addebiterei a voi, lo addebiterei, guarda un po’. Anzi facciamo così, scontiamo i 5 milioni di Balogh (così non ne parliamo più), e chiudiamo la partita con un milione e mezzo (entro fine aprile, s’intende).

  • 17 aprile 2017 23:06

    Ci lascia Spartaco Landini, roccioso stopper di quel Palermo anni 70 che mi ha fatto emozionare, e che fu il mio punto di riferimento quando iniziai a giocare a pallone.

  • 18 aprile 2017 07:28

    Via un altro dei “nostri tempi”. Dopo Stecco Ferretti, Franco Landri, Erminio Favalli, Giorgio Barbana e Biunnu Viganò, anche Spartaco Landini. Mi dispiace. Chissà chi, dei ragazzini d’oggi, tra cinquant’anni o giù di lì ricorderà con nostalgia i calciatori di oggi.

  • 18 aprile 2017 10:01

    E non dimentichiamo ivo Perissinotto, recentemente scomparso anch’egli.

  • 18 aprile 2017 12:14

    Salve cari Carlo e Gery, io non mi perdo una volta la lettura della Vostra rubrica, così come altre su DiPalermo e non concordo con chi ha scritto che dovete smetterla di scrivere etc. Reputo la vostra rubrica molto carina oltre che ironica e condivido spesso i voti, così come i giudizi su alcuni giocatori così scarsi che chiamarli giocatori è una vera offesa a chi lo è per davvero.
    Continuate a scrivere ed a chi nn vuole leggervi posso solo dire: non aprite la rubrica, semplice no?
    Purtroppo il palermitano deve sempre e comunque lamentarsi di tutto e tutti.
    Io soffro a vedere la mia squadra così tristemente scarsa, ma vado allo stadio malgrado tutto (sono abbonato da decenni), perchè non posso stare lontano dai miei colori. Soffro, protesto, polemizzo, scrivo in alcuni blog e gruppi on line, ma non metto mai da parte la passione e la malattia per questi colori. Risaliremo (speriamo subito).
    Aspetto con ansia domani e che Mr. Baccaglini annunci nomi e cognomi e progetti veri e non solo parole. Soprattutto aspetto che si azzeri totalmente la compagine societaria, dirigenziale e tecnica (salverei solo Rispoli, Cionek, Gazzi, Lo Faso, Nesto e qualche giovane della primavera) il resto regaliamolo.

  • 18 aprile 2017 20:00

    Le pagelle di Carlo e Gery sono l’unico motivo per cui continuo a vedere su Sky le partite del Palermo: per potere poi consolarmi con le risate che mi fanno fare loro due. Il meno 20 di Diamanti è perfino generoso, perché, giocatori a parte (beh, giocatori, si fa per dire) il meno venti se lo meritano anche gli allenatori che si sono succeduti sulla panchina del Palermo solo per arraffare un po’ di soldi (sempre troppi per quello che (non) fanno). Fatta eccezione per Eugenio Corini, l’unico allenatore degno di questo titolo , l’unico che, per adamantina passione rosanero, sperava davvero di potere salvare questa (non) squadra.

Lascia un commento