Assuefazioni

Se anche twitter tace
sugli affari di Lombardo

Le ultime imbarcate clientelari passate sotto silenzio anche sui social network. È il segnale della nostra definitiva resa?
blog_twitter_dead

I siciliani hanno stomaci di ferro. Biochetasi o no, ormai mandano giù di tutto. Hanno digerito la recente notizia delle ultime assunzioni all’Ars in un fiat. Qualche timida indignazione su Twitter, un paio di rimbrotti sotto l’ombrellone, poi il nulla. Eppure il più fast dei social network, quantomeno, avrebbe dovuto alzare le barricate contro l’ennesima imbarcata clientelare. Una valanga di caratteri al curaro avrebbe dovuto abbattersi sui nostri deputati nel tentativo di stoppare il trionfale ingresso nel librone paga di mamma Regione dell’ex segretaria del presidente dell’Ars Cascio e di altri sei dipendenti dei gruppi: tre del Pd, due del Pdl e due dell’Mpa. E invece il silenzio, o quasi. Inatteso, inspiegabile, assurdo. La notizia fa il paio con un’altra, più stantia, cui il Sole 24 ore e, più recentemente, il Quotidiano di Sicilia hanno tolto le ragnatele: la corresponsione della sedicesima (se-di-ce-si-ma) mensilità ai dipendenti dell’Ars. E tutto questo mentre altrove si stringe, si taglia, si tassa e si tartassa, mentre addirittura in Spagna si revocano le tredicesime. La ratio di questo assurdo trattamento di favore affonda le radici nell’equiparazione del trattamento economico di deputati e dipendenti dell’assemblea regionale siciliana al Senato. Si tratta – scrive Qds – di “un’indennità compensativa di ferie soppresse e di monte ore superato… Sedicesima è un soprannome, in verità è un’indennità, ma di fatto scatta sempre ogni anno…”.
Privilegi del genere, sempre odiosi, oggi sono assolutamente inaccettabili, se si pensa al bilancio della Regione, più ricco di buchi di una colossale forma di groviera, e ad una amministrazione con la prora puntata dritta verso il default, col suo carico di 5 miliardi di debiti e di 150 mila dipendenti che a vario titolo sono stati imbarcati, spesso di straforo, da onorevoli ricchi di clientele, ma poveri di scrupoli.
Quel che fa male, però, non sono tanto le porcate cucinateci dall’Ars, quanto la nostra reazione alla loro somministrazione: impalpabile. E se nemmeno le sensibilissime antenne di twitter sembrano aver captato la cosa, figurarsi la piazza, quella reale, fiaccata da notti in bianco (per il caldo) e conti in rosso (per l’Imu e la cassa integrazione). E allora? Allora via alle magagne di fine stagione, prima che la dominazione del Lombardo-catanese passi il testimone ai nuovi invasori. Dai Greci ai Borboni e oltre, la nostra è stata una sorta di interminabile cura omeopatica, fatta di soprusi crescenti e proteste calanti. Fino all’assuefazione. Totale. Persino degli uccellini virtuali.

3 commenti

Scrivi un commento
  1. La Sicilia è la regione malata dell’Italia:
    ci si avvia al dèfault:
    8 miliardi di debiti.
    Non c’è resa, nè rassegnazione: ma ira,
    grande rabbia.
    Speriamo che i disordini in queste ore in Spagna
    non abbiano a prodursi in agosto nella
    nostra Isola.
    VIGILARE!!!!

    salvatore battaglia il 21/07/2012 alle 15:48
    (0) (0)
  2. “Quel che fa male, però, non sono tanto le porcate cucinateci dall’Ars, quanto la nostra reazione alla loro somministrazione: impalpabile.”

    Nostra di chi? Di quei quattro sfigati (tra cui me medesimo) che non l’avrebbero mai scelto, neanche in ballottaggio con Belzebù?
    Lombardo è l’espressione più pura, come lo fù Cuffaro, del voto siciliano. … Gli ideali sono cosa bella e nobile, ma giusto giusto avrei quattro cosette da sistemare….
    Pia è l’illusione che il pensiero, di chi ha i neuroni per esprimere un pensiero, che chi s’indigna sia una rappresentazione del nostro popolo (e di quelli dele altre aree incolte del mondo).
    E’ la rappresentazione di una minoranza. Minoranza di un popolo che nel suo complesso lentamente stava evolvendosi, e che l’epopea berlusconiana (altro uomo che nessuno ha mai votato) ha scientificamente fatto regredire all’accettazione acritica e alla fiducia incondizionata nel capo, e anche nella profonda verità delle telenovelas e dei reality.
    Lombardo non è né meglio né peggio di quanti lo hanno preceduto, e probabilmente di quanti gli succederanno.
    Razza intrallazzatrice, che tanto piace all’illuminato popolo siciliano.

    gianfranco il 21/07/2012 alle 20:03
    (0) (0)
  3. E’ il sistema ad essere malato, e non so – onestamente – da che parte cominciare. Ad esempio, c’è questa legge assurda: è immodificabile? è stata ancorata sul fondo del mare? In un posto normale si cambierebbe, ma se facessimo la proposta da queste colonne sono sicuro che il sito sarebbe subissato di insulti anonimi e altro. Non ci resta che sperare in un governo alieno.

    Massimo Puleo il 22/07/2012 alle 19:36
    (0) (0)

ULTIME GALLERY - GENTE DI PALERMO
Annunci di Palermo

attico pressi politeama

Ruggero Settimo pressi Politeama panoramico appartamento pentavani piano attico settimo con terrazzino con servizio di portineria 24h ed ascensori. Totalmente ristrutturato ed arredato e corredato porta blindata disimpegno pranzo salone doppi [...] [leggi tutto]